ritratti

Renzo Rosso, 40 anni di imprenditoria e innovazione made in Nord Est

di Paolo Bricco

Renzo Rosso un un’illustrazione di Ivan Canu

2' di lettura

Renzo Rosso, classe 1955, è uno degli imprenditori che hanno portato il nostro Paese – con i suoi punti di forza e con le sue debolezze – nella globalizzazione. E lo ha fatto con tre caratteristiche.

La prima – coerente con la cultura industriale dell’Italia e della terra da cui proviene, il Nordest – è l’ innovazione di prodotto: al di là dei recenti inciampi del suo percorso – per esempio le difficoltà sul mercato nordamericano, che hanno poche settimane fa portato alla richiesta volontaria di fallimento di Diesel Usa Inc. – la sua traiettoria creativa, industriale e commerciale è segnata dal denim trattato e dal vintage. Una traiettoria che, da zero, ha portato a un gruppo che nel 2017 ha consolidato ricavi con OTB Group per 1,5 miliardi di euro. Questo livello di fatturato è stato ottenuto puntando su una pluralità di marchi che, anche con la crescita esterna, ha permesso di compensare la parabola del brand da cui tutto ha avuto origine: Diesel ha avuto una vita fulminante soprattutto negli anni Ottanta e Novanta, per poi perdere gradualmente slancio.

Loading...

La seconda caratteristica – questa meno coerente con la sua terra di origine, il Nordest, che ha avuto una forza di rottura non irrilevante negli equilibri di potere nazionali – è la capacità di farsi accettare dall’Italia del Novecento, che ne ha sempre apprezzato la forza imprenditoriale, ma che non lo ha mai percepito – cosa invece accaduta con altri – come uno dei nouveaux entrepreneurs dal potenziale sovversivo: in questo, ha un significato chiaro il rapporto avuto con Enrico Cuccia che periodicamente lo riceveva in Mediobanca non solo per la simpatia umana, ma pure per farsi raccontare i nuovi fenomeni economici e industriali.

La terza caratteristica è l’avere vissuto, sperimentato e cavalcato l’ultima globalizzazione in tutti i suoi aspetti. Dal punto di vista industriale e, anche, dal punto di vista mediatico e dell’estetica pubblica: negli anni Novanta Renzo Rosso è diventato un protagonista del jet set fra economia e star system che, da Miami a Londra, da Milano a New York ha segnato l'immaginario di un decennio. Anche se poi l’evoluzione della globalizzazione ne ha frenato la corsa: negli anni Duemila il fenomeno della bipolarizzazione del mercato della moda – con da una parte i giganteschi gruppi francesi del lusso come Lvmh e Kering finanziarizzati e dotati di macchine di marketing portentose e dall’altra nuove realtà internazionali della qualità a basso costo come Inditex – ha messo un poco fuori asse la strategia di Renzo Rosso da Brugine, Bassa Padovana.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti