lettera al risparmiatore

Reply, con realtà virtuale e intelligenza artificiale il business è di «frontiera»

di Vittorio Carlini


default onloading pic

5' di lettura

Un singolo bilancio, si sa, racconta parte della storia. Così è anche per Reply. In tal senso, al fine di valutare la dinamica aziendale, è necessario guardare gli ultimi dati; ma, poi, devono analizzarsi anche quelli degli esercizi precedenti. Ebbene: il gruppo, nel primo semestre del 2017, ha visto i ricavi e la redditività salire. Il fatturato consolidato si è assestato a 441,6 milioni (+14,3% rispetto allo stesso periodo del 2016). L’Ebitda, dal canto suo, è arrivato 61,7 milioni (+20,3%) mentre l’utile netto è aumentato a 35,7 milioni. Si tratta di numeri in continuità con il passato? Vediamo: secondo quanto pubblicato dal sito del gruppo, nel 2012 i ricavi valevano 494,83 milioni. Questi, di anno in anno, sono incrementati fino ad arrivare ai 780,74 milioni dello scorso esercizio. La crescita complessiva è del 57,78% e, a livello di singolo anno, implica un rialzo medio dell’11,5%. La dinamica del Mol è anch’essa in salita. Il Margine operativo lordo, sempre nel 2012, era stato di 62,42 milioni. Nello scorso esercizio l’Ebitda ha raggiunto i 106,42 milioni. L’incremento cumulato, in questo caso, è del 70,5% (+14,1% l’aumento medio annuo). Insomma: i numeri reported sul quinquennio confermano il trend rilevato nella prima metà di quest’anno. Riguardo invece alla marginalità? Qui, com’ è prevedibile, la traiettoria del rapporto tra Mol e ricavi è meno lineare: tra il 2015 e il 2016, ad esempio, l’Ebitda margin è sceso dal 14% al 13,6%. Ciò detto, però, nel 2012 l’indicatore della marginalità si trovava a quota 12,6%. Quindi l’Ebitda margin è salito di 100 punti base. Segno, quest’ultimo, della capacità della società di trasformare il fatturato in maggiore redditività lorda.

SEMESTRI DEL GRUPPO A CONFRONTO

Dati in milioni di euro

Fin qua alcune suggestioni riguardo i numeri di conto economico. Il risparmiatore tuttavia domanda: quali, più in particolare, le dinamiche del business societario? Per rispondere al quesito è dapprima utile ricordare l’oggetto sociale del gruppo. Reply divide i ricavi essenzialmente in tre linee di business. La prima sono le cosiddette «Tecnologie». Queste comprendono l’attività di system integrator soprattutto legata ai software dei grandi produttori hi-tech. Poi ci sono le «Applicazioni»: appannaggio di quest’area sono le soluzioni verticali per le aziende. Infine la terza linea di business: i «Processi». Cioè: la consulenza. Ebbene, al 30 giugno scorso, il fatturato del gruppo era così diviso: le «Tecnologie» pesano per il 52,4%; le «Applicazioni» per il 37% mentre i «Processi» generano il 10,6% dei ricavi. Una ripartizione destinata, nel giro di 2-3 anni, a mutare? La risposta è negativa. Key driver del settore è la domanda di tecnologia da parte delle imprese. Un andamento che innesca la richiesta di servizi e soluzioni trasversali alle tre aree. Le quali, quindi, sono tutte viste in crescita.

DINAMICA DEI RICAVI DEL GRUPPO

Dati in percentuale

Ma non è solamente questione di linee di business. Altro elemento importante è l’internazionalizzazione dello stesso. Il processo di maggiore articolazione estera però, come testimoniano i numeri del primo semestre del 2017, pare rallentare. Con il che può ipotizzarsi un cambiamento di strategia o qualche problematica. La considerazione, sottolinea Reply, non è corretta. L’obiettivo della maggiore internazionalizzazione, è l’indicazione, rimane seppure la sua attuazione si avrà in tempi più lunghi. Si tratta, a ben vedere, del combinato disposto di due fattori. Il primo è che nel mercato domestico, anche per la digitalizzazione dell’economia e l’ «Industry 4.0», la domanda di tecnologia è in aumento. Il che spinge la crescita del fatturato in Italia. Il secondo invece è che l’M&A, attività importante per l’espansione all’estero, è ora più complessa. Non che non ci siano i potenziali target. Tuttavia i loro prezzi, e multipli, sono diventati elevati. Giocoforza Reply, che peraltro sul tema mantiene un approccio prudente, si prende il tempo necessario per effettuare la giusta operazione.

FATTURATO E PROFITTI NEI 5 ANNI

Dati in milioni di euro

Già, la giusta operazione. Ma quale, allora, più in concreto l’identikit del possibile target? Si tratta, in primis, di realtà estere (l’espansione domestica è prevalentemente organica). Inoltre sono, ad eccezione dell’eventuale acquisizione negli Usa, società di piccole dimensioni. Team di 50-150 persone per un fatturato compreso tra 10 e 25 milioni. In tal modo, da un lato, la loro integrazione nel gruppo è più facile; e, dall’altro, non c’è il rischio di trasformare le caratteristiche del business che, va ricordato, è «labor intensive». Infine è esclusa la finalità di shopping di tecnologie proprietarie. Quest’ultime, infatti, o vengono sviluppate internamente a Reply; oppure evolvono da startup come nel caso dell’incubator Breed Reply.

POSIZIONE FINANZIARIA NETTA

Dati in milioni di euro

A fronte di un simile contesto il risparmiatore si domanda: tutto liscio come bere un bicchiere d’acqua, quindi? La realtà è più complicata. L’investitore, tornando al tema della grande incidenza sul business dell’Italia, esprime un dubbio. Il timore è che, nonostante ci sia la ripresa economica, il nostro Paese rimanga caratterizzato da prospettive economiche non solide. Il che può essere un limite allo sviluppo di Reply. La società non condivide la considerazione. Certo, è l’indicazione, sul lungo periodo le dinamiche potrebbero non essere cosi favorevoli. E tuttavia, in primis, la quota di mercato del gruppo in Italia è comunque limitata. Di conseguenza c’è spazio per crescere. Inoltre nel nostro Paese, afferma sempre l’azienda, non si riescono a trovare tutte le competenze per fare fronte alla domanda. Il che mostra, ancora di più, la dinamicità del mercato domestico sostenuta dal fatto che le imprese, per sopravvivere nella globalizzazione, devono investire in tecnologia. Quindi Reply dice, nel medio periodo, di non vedere problematiche particolari sul tema in oggetto.

Al di là di ciò, quali allora le aree tecnologie su cui il gruppo punta di più? Diverse: dai big data al cloud computing fino all’Internet delle cose. Proprio sul quest’ultimo fronte prosegue il progetto dell’incubator Breed Reply. Si tratta di un programma d’investimento in startup, per un budget complessivo di 35 milioni, di cui circa 20 sono già stati investiti. Alcune di queste società sono arrivate al secondo round d’investimenti da parte di fondi che hanno realizzato l’operazione a prezzi maggiori di quelli iniziali. Il che segnala da una parte le positive prospettive dei loro business plan; e, dall’altra, l’esistenza di potenziali plusvalenze per il gruppo stesso.

Ciò sottolineato deve ricordarsi che Breed Reply è basato a Londra. E la stessa Inghilterra costituisce un mercato importante per l’intera Reply. Dal che è lecito domandarsi se l’onda lunga della Brexit, anche e soprattutto in merito alla libera circolazione dei lavoratori, possa creare fastidi al business. Reply, pure monitorando la situazione, indica che allo stato attuale c’è nessun problema. La sua lavoro, viene sottolineato, è riconducibile all’area della Gran Bretagna. Quindi non si pongono problemi d’ingresso nel Paese. Inoltre, al di là di Breed Reply, i progetti del gruppo (ad esempio nell’e-commerce di nuova generazione) sono indirizzati al mercato locale. In conclusione, quindi, la Brexit non costituisce allo stato attuale un limite al business.

Quel business che, peraltro, vede impegnata Reply anche su diverse frontiere tecnologiche. Tra queste: la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale. Rispetto all’Ia il gruppo, da una parte, ha creato un team dedicato. E, dall’altra, è attiva soprattutto nell’adeguamento all’esigenze della singola azienda di sistemi di «deep learning». Un esempio? Le chat-bot per banche ed assicurazioni. Con riferimento, invece, alla realtà virtuale può ricordarsi che Reply ha un centro di competenza (Area 360°) nei pressi di Como.

Qui sono presenti diversi laboratori dedicati allo sviluppo, e test, di soluzioni che consentono o di «immergersi» nella realtà virtuale; oppure di potere testare prodotti quali, ad esempio, i visori trasportabili per la stessa «artificial reality». Tutte soluzioni che, a ben vedere, trovano sempre più ampi spazi di applicazione. Tra gli altri: la simulazione di attività in luoghi pericolosi, ad esempio una centrale elettrica ad alta tensione, che consentono l’addestramento del personale in sicurezza.

È ovvio che, al di là dell’aspetto tecnico-scientifico, simili soluzioni contribuiscono (o dovranno contribuire) al conto economico della società. La quale, dopo il primo positivo semestre, indica che non ci sono motivi per non essere ottimisti anche sulla seconda metà dell’anno. L’obietto sul 2017 resta di avere ricavi e redditività in rialzo sul 2016.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...