XCHANGE 2019

Reply, dalla telepresenza olografica alla blockchain for things. Le novità

di Gianni Rusconi


default onloading pic

4' di lettura

Come da qualche anno a questa parte, l'appuntamento con Xchange Reply, l'evento che la multinazionale italiana organizza per presentare a clienti e partner le tecnologie più innovative che ruotano intorno all'esperienza (digitale) di aziende e utenti, è andato puntualmente in scena a inizio luglio. Rispetto all'edizione 2018 è cambiata la location (il Superstudio Più di Via Tortona, sempre a Milano) ma non è cambiata la sostanza: intelligenza artificiale, quantum computing, realtà aumentata, blockchain, Internet of Things, Big Data, 5G. Tantissima carne al fuoco, dunque, che abbiamo in parte toccato con mano partecipando ad alcune sessioni di demo interattive. Ecco cosa ci ha colpito e incuriosito di più.

Intelligenza artificiale al servizio dei settori verticali
I software di riconoscimento delle immagini e le reti neurali al servizio della diagnostica clinica sono il fulcro dei progetti che vedono impegnati la Fondazione Maugeri di Pavia. Una specifica applicazione (X-Rais) basata su un algoritmo di deep learning analizza le immagini delle mammografie ed evidenzia le possibili anomalie presenti nella mammella, descrivendone le caratteristiche morfologiche e supportando il medico nel processo di refertazione. Un'altra soluzione di “object detection” che sfrutta l'intelligenza artificiale opera invece nel mondo retail e industriale. Posizionandosi di fronte a una webcam, gli algoritmi di machine learning identificano gli indumenti e gli accessori indossati dalla persona e suggeriscono prodotti coerenti con il proprio stile di abbigliamento; nel contesto di un cantiere o di un impianto produttivo, invece, il sistema permette di riconoscere le protezioni di sicurezza indossate dall'addetto e decide se consentirne o meno l'accesso ad un ipotetico sito di lavoro.
Su tecnologie di image recognition e machine learning è basata quindi anche l'app mobile di “intelligent shelf” che rende automatico, nel punto vendita, il processo di raccolta delle informazioni sul posizionamento dei prodotti a scaffale, eventuali situazioni di esaurimento scorte, i prezzi e le informazioni sulla concorrenza.

Analisi dei dati predittiva per la salute e l'entertainment
Machine learning e modelli di gamification sono invece gli ingredienti di altri due progetti targati Reply. Il primo, realizzato con Lombardia Informatica, ha l'obiettivo di prevedere, con due anni di anticipo, il numero di respiratori cronici domiciliati a Milano combinando i dati (anonimizzati) dei pazienti e le informazioni geolocalizzate su inquinamento dell'aria e reddito. Il secondo è un'iniziativa di respiro europeo (Live Well Work Well) che promuove il benessere dei dipendenti e prevede la profilazione dei dipendenti in base ai rischi della salute e il suggerimento delle attività personalizzate da svolgere sfruttando dispositivi IoT in grado di tracciare automaticamente le azioni svolte da ogni addetto e di effettuare misurazioni di parametri quali peso o pressione.
L'analisi comportamentale condotta attraverso algoritmi, ancora, può essere la base per analizzare campagne pubblicitarie e comprendere i gusti delle persone partendo dai dati relativi alle preferenze musicali e ai commenti postati su social network, forum e siti. Due distinte applicazioni (Like This Like That e Lyrics and Emotions) permettono rispettivamente di suggerire all'utente il film che rispecchia lo stile dell'artista preferito e di scegliere, in base alle emozioni associate ad un determinato marchio, il sottofondo musicale che meglio si associa alla brand identity.

Terza dimensione e mixed reality in chiave business
Ologrammi e schermi autostereoscopici per comunicare a distanza con i colleghi: le tecnologie 3D e quelle di realtà virtuale e mista sono gli strumenti che ci proiettano nel mondo dei meeting virtuali e di nuove forme di collaborazione e di customer experience scisse dallo spazio fisico.
Basta indossare appositi visori (HoloBeam) ed ecco che si è immersi in una sessione di videoconferenza olografica in cui poter comunicare in tempo reale e senza ritardi percepibili con una persona o più persone situate in un'altra “stanza” (e quindi in remoto), visualizzando in modo interattivo le reciproche rappresentazioni in tre dimensioni per fare il punto sul design di un prodotto.
Si basa invece sull'utilizzo di avanzate interfacce conversazionali il sistema di Virtual Personal Shopper pensato per abilitare un nuovo modello di relazione tra brand e utente finale attraverso i suggerimenti dell'outfit migliore. Un chatbot, nello specifico, guida l'utente nel processo di acquisto attraverso la configurazione del prodotto in 3D secondo le proprie preferenze e una volta concluso questo processo è possibile visualizzarne il risultato, attraverso la realtà aumentata, in un contesto ambientato o direttamente sul proprio volto, in base all'accessorio scelto.
Attraverso processi di calcolo algoritmico dei contenuti digitali e partendo da scansioni di un oggetto fisico - ed è questa la soluzione adottata da Lanieri - un configuratore in 3D permette invece, in poche ore, di definire tessuto, foggia e varianti di colore degli abiti in modo estremamente personalizzato.

Il mondo assicurativo sbarca sulla catena dei blocchi
Micro polizze parametriche basate su tecnologia blockchain e smart contract: sono il cuore di un progetto, promosso da Aon Reinsurance Solutions in collaborazione di alcuni attori del mondo insurance e bancario italiano (fra cui Mediolanum Assicurazioni, Reale Mutua, Banca Popolare di Sondrio e Ubi Banca), che ha per fine la prima sperimentazione collettiva di prodotti assicurativi basati su blockchain per il mercato domestico. Il vantaggio? Maggiore velocità e sicurezza nel processo di emissione e gestione delle polizze (appoggiato sulla piattaforma Insurance Blockchain Sandbox di Reply) e di liquidazione del danno agli assicurati, che diventa automatica al verificarsi di determinati eventi. Tre le categorie di polizze smart, tutte legate tutte al mondo del viaggio (copertura del rischio maltempo, del ritardo del volo aereo e del de-routing del bagaglio), che nella fase pilota saranno sottoscrivibili da parte di un target controllato di clienti identificato dalle banche e dai distributori coinvolti nel progetto.

Sensoristica a lunga durata per bici elettriche e barche
Sempre al mondo dell'insurance è infine rivolta la soluzione che sfrutta reti narrow-band Iot (la cui copertura in Italia, dicono da Reply, arriva oggi al 98%) e un sensore di nuova generazione a lunghissima durata (circa tre anni di autonomia) pronto a entrare in mass production. L'intelligenza di questo componente può essere installata sia a bordo di e-bike di fascia alta per rilevarne la posizione e fungere da antifurto attraverso un'app “white label” che rende disponibili anche servizi aggiuntivi del produttore dei mezzi a due ruote (con la compagnia assicurativa che diventa service provider di quest'ultimo) sia negli scafi delle barche di lusso per rilevare eventuali infiltrazioni di acqua.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...