INNOVAZIONE

Réseau Entreprendre sbarca in Emilia e crea la rete di imprenditori-mentori

di Ilaria Vesentini

default onloading pic


2' di lettura

In Piemonte è sbarcata nel 2010, in Lombardia nel 2015, ora è il turno dell’Emilia-Romagna, dove un gruppo di una decina tra manager e imprenditori ha dato vita al primo nuclo regionale di Réseau Entreprendre, network di associazioni di imprenditori creato nel 1986 dalla famiglia francese Mulliez (proprietaria del gruppo industriale che detiene marchi queli Auchan, Dechatlon, Leroy Merlin, Kiabi). Obiettivo: creare nuovi imprenditori per creare lavoro sui territori, attraverso un’attività filantropica di mentorship strutturata. Uomini d’azienda e professionisti d’esperienza accompagnano i meno esperti (giovani e non) nello sviluppo di attività con alto potenziale occupazionale.

I numeri di Réseau Entreprendre in 30 anni di attività in 10 Paesi, attraverso 116 associazioni, raccontano più di tante parole: una rete di 14mila imprenditori ha accompagnato fin qui 2mila progetti, che hanno creato o salvaguardato 28mila nuovi posti di lavoro con un tasso di successo record: il 90% delle aziende supportate è ancora in attività dopo tre anni.
In Italia la rete di mentori d’esperienza ha già all’attivo, attraverso le due associazioni in Piemonte e Lombardia, 100 imprenditori, 39 neoaziende, 180 posti di lavoro creati con un tasso di successo dell’86%, valore lontanissimo da quello degli incubatori nostrani. Il segreto è nella formula francese, tanto rigida quanto efficace: si affiancano solo progetti volti a creare posti di lavoro (almeno 5 in tre anni), con due diversi comitati di senior che valutano separatamente il progetto e, ancora più, la persona e il team della start-up; l’offerta di accompagnamento è gratuita, personale, completa (dalla fase iniziale individuale, fino all’accompagnamento finanziario, tre anni in tutto) e reciproca (i neoimprenditori beneficiari dovranno a loro volta restituire l’accompagnamento, creando una catena virtuosa).

Loading...

Ogni mese 160 future Pmi nascono nel mondo grazie all’attività di Réseau Entreprendre, in stretta collaborazione con incubatori, investitori, università e associazioni imprenditoriali, in un ruolo ponte tra i soggetti che già operano nella gemmazione di imprese. «Puntiamo sull’Emilia-Romagna come terza sede italiana della nostra associazione per il tessuto imprenditoriale che contraddistingue questa regione, un tessuto fatto di aziende capaci di coniugare una grande tradizione e uno spiccato orientamento all’innovazione – afferma Arturo Tedeschi, presidente uscente Réseau Entreprendre Italia, che passa il testimone ad Aldo Ravaioli. «Al centro delle nostre valutazioni - rimarca il neopresidente - c’è sempre la persona, il capitale umano, è questo il punto di forza e di differenziazione rispetto ad altre realtà che supportano la nuova imprenditoria».

In Emilia-Romagna la neo costituita Réseau Entreprendre può contare su tutor provenienti dalle aziende socie: Gruppo Maccaferri, Price Waterhouse Cooper, Petrolifera Italo Rumena Spa, Day Ristoservice (il cui presidente Marc Buisson è stato scelto per guidare l’associazione regionale), Open Group, Ag-Group, Studio Commercialisti e Revisori Associati Rag. Sassi - Dott. Sartoni Galloni, Ruggero Mazza Commercialista e il local partner Emil Banca.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti