nigeria

Restituzioni, a Benin City si lavora al museo

Quattro milioni di dollari per il progetto archeologico alla base dell’Edo Museum of West African Art che ricostruirà la storia del Regno del Benin, partner il British Museum e il Legancy Restoration Trust

di Marilena Pirrelli

default onloading pic

Quattro milioni di dollari per il progetto archeologico alla base dell’Edo Museum of West African Art che ricostruirà la storia del Regno del Benin, partner il British Museum e il Legancy Restoration Trust


4' di lettura

La Nigeria accelera verso la ricostruzione della sua identità storico artistica e promuove attraverso il governo dello Stato di Edo, la National Commission for Museums and Monuments of Nigeria insieme al Legacy Restoration Trust , al British Museum e all’ Adjaye Associates un progetto di archeologia a Benin City, sul sito del nuovo Edo Museum of West African Art (EMOWAA) che inizierà nel 2021. Il progetto archeologico, primo grande scavo per indagare sull'archeologia del Regno del Benin, aiuterà a portare alla luce i resti archeologici dell'ex capitale. Il British Museum e il Legacy Restoration Trust si sono assicurati l'equivalente di 4 milioni di dollari di sostegno privato per iniziare i lavori. Il progetto, guidato da un team congiunto delle istituzioni nigeriane con il British Museum, supervisionerà tutti gli aspetti del lavoro archeologico a Benin City, compreso il lavoro di impegno pubblico, l'indagine, gli scavi, la ricerca accademica e lo studio delle collezioni archeologiche. Il progetto valuterà come coinvolgere le comunità locali, i bambini e i giovani attraverso laboratori, pubblicazioni, conferenze e contenuti digitali, ricollegando le popolazioni locali con la loro storia ed evidenziando il significato della storia del Regno del Benin.
Il progetto di archeologia è un lavoro preparatorio necessario per la costruzione del nuovo Edo Museum of West African Art (EMOWAA), in fase di sviluppo, che ospiterà la più completa esposizione al mondo dei bronzi del Benin . Obiettivo riunire le opere d'arte del Benin attualmente all'interno di collezioni internazionali, oltre a indagare e presentare le storie più ampie che queste rappresentano, con il progetto si apre il dibattito più ampio sul patrimonio culturale del Benin e sulla rappresentazione della sua storia e sulle restituzioni da parte delle civiltà occidentali. Gli scavi verranno incorporati nel nuovo design del museo sviluppato dallo studio Adjaye Associates. “La missione principale del British Museum è quella di lavorare in collaborazione con colleghi di tutto il mondo per sviluppare la comprensione condivisa del patrimonio culturale africano” spiega Hartwig Fischer, direttore del British Museum. “Il progetto di archeologia fornirà anche le basi per l'EMOWAA che diventerà sicuramente una delle iniziative museali più significative dei prossimi decenni“.

“Benin City è una città antica con un'incredibile ricchezza di manufatti e rovine che potrebbero e dovrebbero costituire il fondamento di un centro di ricerca, educazione in archeologia, arte, cura e conservazione”, ha spiegato Godwin Obaseki, governatore dello stato di Edo. “La costruzione di un museo di livello mondiale nella parte storica di Benin City richiede un lavoro archeologico per garantire che i resti storici sepolti sotto terra nel sito di costruzione del museo siano conservati e registrati, e i manufatti possano essere catalogati e conservati per la visualizzazione e per diventarne parte delle future collezioni del nuovo museo. Questo lavoro archeologico stabilirà una ricerca archeologica di livello mondiale nello stato di Edo e inizierà il viaggio verso il nuovo museo e centro di ricerca “. Per il Governatore il progetto è essenziale per affermare il Benin come destinazione turistica e far prosperare artisti locali, artigiani, industrie dell'ospitalità, istituti di ricerca e istruzione.

Loading...
Tra memoria e futuro il progetto dell'Edo Museum of West African Art

Tra memoria e futuro il progetto dell'Edo Museum of West African Art

Photogallery13 foto

Visualizza


Il dialogo aperto con questo progetto intende rileggere la storia del Regno del Benin e anche la sua dolorosa storia dall'invasione e distruzione di Benin City da parte delle forze britanniche nel 1897 al fine di impegnarsi in nuove forme di cultura scambio. Il Regno del Benin era uno degli stati precoloniali più importanti e potenti dell'Africa occidentale. Oggi sono note le sue fusioni in ottone e bronzo - i bronzi del Benin - nonché gli oggetti in altri materiali, tra cui avorio, corallo e legno.

“Da una prima occhiata al concetto di progetto preliminare, si potrebbe credere che questo sia un museo tradizionale, ma, in realtà, - ha spiegato l'architetto David Adjaye - quello che stiamo proponendo è un annullamento dell'oggettivazione avvenuta in Occidente attraverso la ricostruzione completa. Applicando la nostra ricerca sulle straordinarie rovine del Benin - le mura ortogonali della città e le sue reti di cortili - il progetto del museo ricostruisce l'abitazione di queste forme come padiglioni che consentono la ricontestualizzazione dei manufatti. L'EMOWAA si comporterà come un recupero di uno strumento, di un luogo che richiami memorie collettive perdute del passato per instillare una comprensione della grandezza e dell'importanza di queste civiltà e culture “ ha concluso l’architetto.

La storia

Il Regno del Benin era uno degli stati precoloniali più importanti e potenti dell'Africa occidentale. Oggi il paese è noto per le sue opere d'arte, tra cui fusioni in ottone e bronzo, conosciute come “Bronzi del Benin”, nonché oggetti in altri materiali, tra cui avorio, corallo e legno. I “Bronzi” includono centinaia di targhe che mostrano racconti della prima vita del regno. Queste targhe un tempo decoravano i pilastri degli edifici del Palazzo Reale e forniscono un'importante documentazione storica del Regno, che divenne un importante partner commerciale con gli stati europei in seguito all'arrivo di esploratori portoghesi sulla costa dell'Africa occidentale nel XV secolo. A quel tempo, il Benin era già un'importante formazione politica e un importante stato commerciale. Era situato all'interno di reti regionali più ampie dell'Africa occidentale che includevano rotte commerciali attraverso il Sahara che fornivano oro, avorio e altri prodotti al mondo islamico nordafricano e oltre. Nella storia del Benin la conquista improvvisa e brutale da parte delle forze britanniche, l'invasione di Benin City nel 1897, portò alla distruzione e al saccheggio diffusi di santuari e palazzi e, insieme ad altri monumenti, il Palazzo Reale fu bruciato e distrutto, con migliaia di oggetti di valore cerimoniale e rituale saccheggiati dalle camere reali e dai magazzini. Molti di questi oggetti sono ora nelle collezioni di musei nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti. Nel British Museum oggi sono conservate più di 900 oggetti provenienti dal Benin, una parte significativa dei quali è arrivata al museo subito dopo la conquista di Benin City nel 1897. Oltre 100 di questi oggetti sono esposti nelle gallerie e l'intera collezione è accessibile dal Museo online.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti