Modifiche

Restomod per lo “squalo”, la mitica Citroën Ds ora è anche elettrica

Con la batteria sotto la cofano la guida della fascinosa berlina francese ci guadagna. E' più silenziosa e soprattutto garantisce emissioni zero.

di Corrado Canali

2' di lettura

La DS (1955-1975) è considerata una delle auto più belle di tutti i tempi, ma ora i possessori di questo classico francese possono optare anche per una conversione elettrica grazie a Electrogenic. Il noto preparatore con sede a Oxford nel Regno Unito ha presentato, infatti, una Citroën DS a batteria con l'obiettivo di offrire un’esperienza di guida silenziosa oltre che a zero emissioni senza sacrificare la straordinaria guidabilità del modello. Se è vero che l’auto elettrica è da considerarsi il futuro della mobilità e sempre più frequente che una batteria sia protagonista anche sotto le carrozzerie di auto d’epoca, con restomod che mandano in pensione i motori a benzina sostituendoli con unità elettriche.

Il restomod della mitica berlina Citroën

L'ultimo arrivato è quello di una Citroën DS del 1971 completa di fari direzionali. L’esterno è praticamente invariato, a parte la mancanza di terminali di scarico e il badge DS EV Electronique sul retro. Stesso discorso per gli interni che conservano i rivestimenti in pelle originali e il caratteristico volante a razze singole. Ciò che è completamente diverso è, invece, il gruppo propulsore: al posto del vecchio motore a benzina a quattro cilindri di 2.000 cc c’è un motore elettrico brushless Hyper9 che produce 120 cv rispetto ai 103 cv dell’unità originale e 235 Nm di coppia disponibili istantaneamente. La potenza è inviata alle ruote anteriori attraverso il cambio manuale originale con la leva montata sul volante.

Loading...

Un'autonomia compresa fra 225 e 322 km

L’energia è immagazzinata in una batteria da 48,5 kWh che secondo Electrogenic consente fino a 225 km di autonomia reale. Grazie al caricabatterie di bordo da 29 kW, la batteria può, inoltre, rigenerasi in circa due ore, il che è interessante per un BEV di tipo classico. Per chi ha problemi di ansia da autonomia, lo stesso preparatore inglese offre una batteria aggiuntiva che estende l’autonomia ad oltre 322 km. Una delle caratteristiche più importanti della DS classica è la sospensione idropneumatica autolivellante non convenzionale, nota per il suo impareggiabile livello confort. Nonostante la mancanza di un motore a combustione interna all’anteriore, Electrogenic è riuscita a mantenere la sua fruibilità in termini di confort grazie a una pompa elettrica al posto dell'unità meccanica originale.

L'elettrico migliora l'esperienza di guida dell'auto

Secondo Electrogenic l’obiettivo principale delle loro conversioni è da sempre di migliorare soprattutto le caratteristiche originali della vettura che è presa in considerazione. Pertanto, nel caso della limousine Citroen la conversione elettrica è risultata ideale poiché oltre che il propulsore più silenzioso viene aggiunta un’esperienza di guida che si adatta bene al carattere della berlina francese. Non è la prima volta che Electrogenic converte un’auto classica in elettrica: fra i diversi progetti precedenti attribuiti al preparatore britannico ci sono una Jaguar E-Type, una Volkswagen Beetle e una Rolls-Royce Silver Shadow. Quanto al costo dell’operazione non è fissabile, perché ogni conversione è fatta su misura.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti