ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùImpiego pubblico

Retribuzioni, nella Pa il gap è ridotto: paga più alta ma (pochi) under 30

Diverso il sistema previsto dal nuovo contratto per i passaggi di carriera

di Michela Finizio

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Il divario retributivo tra under 30 e over 54 negli uffici pubblici è inferiore rispetto al settore privato, ma ad occupare la sedia nella pubblica amministrazione sono solo 234mila giovani contro 1,36 milioni di colleghi senior. L’83% in meno, in base ai dati Inps sul pubblico impiego pubblicati nell’ultima relazione annuale.

Le statistiche sulle retribuzioni e sulle giornate lavorative dei dipendenti pubblici (gestione ex Inpdap) riflettono anni di blocco delle assunzioni e delle progressioni retributive. Per i rari impiegati under 30 la retribuzione giornaliera risulta pari a 92 euro, contro i 113 euro riconosciuti agli adulti tra i 30 e i 54 anni e i 123 euro degli over 54. La forbice, tra i più giovani e i più anziani, si attesta intorno al 25 per cento, un gap che nel settore privato arriva al 39 per cento.

Loading...

C’è più equilibrio, rispetto al settore privato, anche nelle ore lavorate: 207 giornate retribuite pro capite per chi ha meno di 30 anni, a fronte di 290 per i colleghi con più di 54 anni. A incidere sono i part-time e i contratti a termine. «I giovani che vengono assunti oggi per il Pnrr negli uffici ministeriali - racconta Florindo Oliviero, segretario nazionale per la Funzione pubblica della Cgil - sono tutti a tempo determinato». Un esempio per tutti: gli 8mila posti assegnati dal ministero della Giustizia per i funzionari dell’ufficio del processo.

I dati sul gap generazionale dei dipendenti pubblici raccontano l’urgenza di rinnovamento degli uffici, proprio mentre si cerca di attuare un programma di assunzioni senza precedenti che - per sostenere tutti i capitoli attuativi del Pnrr - complessivamente prevede 24mila nuove posizioni. Dinanzi al recente flop di diversi concorsi pubblici, però, qualcosa sembra non funzionare. «Uno dei motivi per cui non si partecipa ai concorsi - commenta Olivero - è proprio il gap retributivo. È difficile trovare qualcuno se il giovane lo chiami a lavorare perché ha maggiori competenze e lo paghi meno del collega anziano, che spesso si trova a dover sostituire, magari proponendogli un ufficio a chilometri di distanza da casa».

Dopo anni di blocco delle progressioni economiche, inoltre, i giovani faticano a vedere nella Pubblica amministrazione la possibilità di fare carriera. Proprio per incidere su questo aspetto, il nuovo contratto per le Funzioni centrali entrato in vigore il 9 maggio scorso ha introdotto un importante cambiamento. «Le progressioni economiche - spiega il segretario Cgil - saranno meno vincolate alla sola anzianità, ci sarà un maggiore dinamismo. Ogni tre anni tutto il personale potrà concorrere a una procedura per l’avanzamento. L’anzianità darà un maggior punteggio, così come verrà favorito chi è “fermo” da almeno sei anni, ma potranno partecipare tutti».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti