trasporto ferroviario

Riattivata l’alta velocità Milano- Bologna. Verso la firma del protocollo per Roma-Pescara

Mit-Regioni-Rfi firmeranno un accordo per individuare gli interventi infrastrutturali, tecnologici, operativi ed organizzativi necessari per il miglioramento del collegamento

default onloading pic
(Ansa)

Mit-Regioni-Rfi firmeranno un accordo per individuare gli interventi infrastrutturali, tecnologici, operativi ed organizzativi necessari per il miglioramento del collegamento


2' di lettura

Per chi viaggia in treno arrivano due importanti novità. La prima: a meno di un mese dal disastro ferroviario del Frecciarossa 1000 9595 deragliato a Ospedaletto Lodigiano, provocando la morte dei due macchinisti Giuseppe Cicciù e Mario Dicuonzo e 31 feriti, è stata riattivata la circolazione dei treni dell’Alta velocità sulla linea Milano-Bologna. La seconda: domani, al ministero delle Infrastrutture, è prevista la firma di un protocollo d’intesa fra Mit, Regione Abruzzo, Regione Lazio e Rfi per la linea ferroviaria Roma–Pescara, come psiega il Mit in un comunicato dove spiega che «l’obiettivo del documento è costituire un gruppo di lavoro per individuare gli interventi di tipo infrastrutturale, tecnologico, operativo ed organizzativo necessari per il miglioramento del collegamento». Il documento sarà firmato dalla ministra Paola De Micheli, dal presidente della regione Abruzzo Marco Marsilio, dal presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti e dall’amministratore delegato (e direttore generale) di Rfi Maurizio Gentile.

Intanto prosegue senza sosta il lavoro dei consulenti della Procura di Lodi, gli ingegneri Roberto Lucani e Fabrizio D'Errico, che si sono occupati in passato anche dell’incidente ferroviario di Pioltello del gennaio 2018. Sono loro che dovranno consegnare ai magistrati la relazione sulle cause e sulle responsabilità nel disastro. I lavori di ripristino che hanno riguardato la sostituzione di scambi, binari, traverse, massicciate e pali di sostegno della linea elettrica su un totale di circa 3 chilometri sono andati avanti senza sosta in questo mese e così, ieri sera, il Frecciarossa Napoli Centrale-Torino Porta Nuova è stato il primo convoglio di Trenitalia a passare sul binario dell’Alta Velocità riattivato. Una riapertura molto importante, visto che la mancanza dell’operatività di quelle rotaie dell’alta velocità e l’uso delle rotaie ordinarie, aveva causato ritardi medi di 60 minuti nelle ultime settimane.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...