ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGAS TECNICI E MEDICINALI

Ricavi in crescita per Sol, l’utile scende a 25,2 milioni

di Matteo Meneghello


default onloading pic

2' di lettura

Nel primo semestre dell’anno le vendite del gruppo Sol sono aumentate dell’8,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+5,4% a pari perimetro), a quota 445,8 milioni. Nello stesso periodo il margine operativo lordo è salito a 101,8 milioni (da 94 milioni), il risultato operativo è sceso a 45,2 milioni (da 47,1 milioni) e l’utile netto si è attestato a 25,2 milioni (da 27,8 milioni).

L’azienda, quotata alla Borsa italiana, è attiva su diversi mercati del mondo nel settore dei gas tecnici e medicinali e nell’assistenza medicale a domicilio, con oltre 4.200 dipendenti. Tra i fattori che hanno avuto impatto negativo sul margine operativo lordo e sul risultato operativo, la società cita la minore produzione di energia delle centrali idroelettriche rispetto all’anno precedente, dovuta alla scarsa piovosità dei primi mesi del 2019, i minori proventi legati ai benefici (certificati bianchi) per investimenti di efficientamento energetico, infine «il repentino aumento dei costi di trasporto e dell’energia elettrica», oltre a maggiori accantonamenti (4675 milioni contro i 2,539 dell’anno prima).

Dal punto di vista finanziario, l’indebitamento netto, pari a 324,4 milioni, è aumentato di 75,8 milioni rispetto a fine 2018, di cui 47,6 milioni a seguito dell’applicazione del principio contabile Ifrs 16 – Leases, a fronte di investimenti ed acquisizioni effettuati nel semestre per 86 milioni e del pagamento di dividendi per 17,2 milioni. Il rapporto tra debito netto e patrimonio netto è pari a 0,59 (0,52 al 30 giugno 2018).

«Valutiamo in modo positivo i risultati conseguiti nel primo semestre - spiega Marco Annoni, vicepresidente di Sol spa -, che confermano la solidità del gruppo e la sua vocazione alla crescita sia pure in una situazione economica in deciso rallentamento».

«Per il 2019 - spiega Aldo Fumagalli Romario, presidente di Sol - ci poniamo l’obbiettivo di confermare la crescita delle vendite e di mantenere la redditività del gruppo su buoni livelli, proseguendo nei programmi di investimento volti a sostenere lo sviluppo, l’internazionalizzazione, la diversificazione e l’innovazione».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...