Mercedes

Ricetta classica dedicata a chi non ama i suv

La Classe C All-Terrain reinterpreta i concetti delle sw adatte al fuoristrada leggero

di Mario Cianflone

Integrale e diesel. La prima Classe C formato All-Terrain vanta un turbodiesel ibrido leggero a 48 volt e un sistema di trazione coadiuvato dall'elettronica

3' di lettura

Non solo suv, non solo elettrico. Mercedes esce dalla dominante narrazione automobilistica, tutta proiettata al futuro e rilancia un modello controcorrente: la Classe C All-terrain che declina in chiave (leggermente ridotta) la formula wagon “da sterrato” portata al successo dalla Classe E ll-Terraine, soprattutto, dalle progenitrici del genere cioè le Volvo Cross Country e dalle analoghe Audi Allroad come A6 e A4, quest'ultima concorrente diretta del nuovo modello della Stella.

È vero la classe C non è un suv: ma quanti davvero vanno su percorsi in fuoristrada impegnativi? E poi molti celebrati suv sono privi di trazione integrale, mentre qui abbiamo un vero sistema 4x4 con tanto di driving mode specifici. E poi volete mettere l'eleganza demodé di una station wagon rialzata, con protezioni per parafanghi e look di quelli che sembrano dire: «Mi piace sporcarmi le ruote». Non è roba per i maniaci del detailing ma per chi l'auto vuole viverla ovunque: dalla città (dove l'auto serve nonostante i proclami sconcertanti sulle metropoli car free) all'autostrada fino agli sterrati e alle piste da sci. Tra i meriti della Classe C All-Terrain c'è quello di non essere oversize: la vettura è grande ma non enorme ed è un po' più lunga della Classe C station wagon normale, della quale la All-Terrain rappresenta qualcosa in più di una semplice variante. La lunghezza è stata aumentata di 4 mm per un totale di 4.755 mm, larga 1.841 mm (+21 mm) e soprattutto è più alta da terra di 40 mm (cosa che non guasta anche nelle rampe dei box). Il bagagliaio è bello ampio: 490 litri che diventano 1510 litri abbattendo i sedili a prova di avventure all'Ikea. I parafanghi allargati di 21 mm sono un elemento estetico e funzionale caratteristico del modello.

Loading...

Abbiamo guidato la wagon da offroad leggero sulle strade di Sindelfingen, nei pressi di Stoccarda, dove la casa della Stella ha lo storico quartier generale. Salendo a bordo si ritrova l'effetto wow della plancia dell'ultima generazione di Classe C (W206) dove spicca un'interfaccia utente inedita con comandi, cockpit e sistema di infotainment Mbux totalmente ridisegnato e mutuato da quello della classe S (a questo giro è stata l'ammiraglia a partire con il nuovo Mbux, di seconda generazione che ora arriva sul modello di medio gamma mentre il primo iniziò la sua carriera 4 anni fa su Classe A). Spicca il display dal taglio quasi quadrato da 10.25 pollici o 12.3” e il cluster strumenti totalmente digitale da 9,5 o 11,9”. Accendi l'auto e appare la foto del fondatore Carl Benz: una chicca simpatica di un sistema che funziona abbastanza bene anche se continuiamo a preferire Android Auto e Apple CarPlay (presenti) per la maggiore integrazione smartphone/mappe.

La vettura è disponibile con un solo motore: si tratta del super pulito diesel mild hybrid 48 Volt a cilindri che da vita alla diesel 220 d 4Matic. Il powertrain eroga una potenza massima di 200 cv (147 kW) ed una coppia massima di 440 Nm a 1800 giri/min. Valori non esuberanti in relazioni alla massa del veicolo che si attesta A 1.800 kg. Per avere molto brio occorre avere il piede pesante e la rumorosità sale con una timbrica non proprio piacevole. Ineccepibile la tenuta e la gestione della motricità. A disposizione ci sono specifiche modalità di guida battezzate Offroad ed Offroad+ che si aggiungono a Eco, Comfort, Sport e Individual. Permettono di governare tutti i parametri di motore, sterzo, Esp e cambio per gestire al meglio la trazione su ogni tipo di terreno e c'è anche la funzione Downhill Speed Regulation per affrontare discese in tutta sicurezza. Tra l'altro sulla strumentazione ci sono grafiche specifiche per il fuoristrada con bussola, inclinometro e angolo di sterzo Offroad con informazioni come, e la bussola per facilitare la guida lontano dall’asfalto.

Al voce cerchi ci sono di serie i 17 pollici con 225/55 ma si possono scegliere anche i più grandi (e belli da vedere perché riempiono meglio il passaruota) 245/45 R18 o 245/40 R19. Degni di nota i fari con tecnologia Digital Light, capaci di modificare il fascio di luce grazie alle informazioni provenienti dal Gps e dalla telecamera anteriore. Prezzi da 58.603 euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti