Ambiente

Rifiuti, nel Mezzogiorno servono altri 121 impianti

Lo studio del Conai censisce 155 impianti attivi e stima il fabbisogno da soddisfare per rientrare nei parametri europei. La carenza maggiore è della Campania a cui ne mancano 38

di Vera Viola

3' di lettura

Le regioni del Sud dispongono di 155 impianti attivi per il trattamento dei rifiuti. Ma ne servirebbero altri 121. Parliamo di impianti di compostaggio in primis, di impianti di selezione, trattamento di terreni, di ingombranti, di discariche di servizio e di termovalorizzatori.

Lo studio del Conai sul Sud Italia rappresenta un buon punto di partenza per una eventuale pianificazione della svolta ecologica voluta dal governo italiano e dall’Europa. Per la quale il Pnrr, il piano italiano da attuare con le risorse europee di Next Generation Eu, ha destinato investimenti per 59,33 miliardi di euro, di cui 5,27 per l’economia circolare. Almeno il 40% dovrebbe andare al Sud.

Loading...

Per il Conai, insomma, il Paese avrebbe bisogno di dotarsi di 121 nuovi impianti nelle regioni meridionali realizzando un investimento che si stima superiore al miliardo e mezzo, le cui ricadute sarebbero significative anche sul piano occupazionale: i nuovi impianti richiederebbero l’assunzione di oltre 2.300 addetti diretti, senza contare l'indotto. È ovviamente una stima redatta considerando gli obiettivi di raccolta differenziata (almeno al 70%) che l'Unione Europea impone entro il 2030.

In verità, si fa osservare, per la costruzione dei nuovi impianti non si parte da zero. Negli ultimi anni sono state avviate procedure autorizzative e molte sono completate. Dal Rapporto Ispra 2020, risultano autorizzati impianti per il trattamento biologico e di compostaggio per un totale di 12,4 milioni di tonnellate. Non poco. Possiamo dedurre da ciò che evidentemente il meccanismo si inceppa nella fase della realizzazione. Allo scopo di individuare i colli di bottiglia che hanno impedito l’attuazione del progetti appovati, il consorzio per gli imballaggi ha avviato un nuovo studio.

«Le Regioni del Sud soffrono della grave mancanza di impianti – sottolinea il presidente del Conai, Luca Ruini – . Usare le risorse in arrivo con il PNRR, ma anche quelle già a dispozione e non utilizzate, per colmare questo gap è fondamentale. Per chiudere il cerchio, infatti, è sempre più necessario che i rifiuti raccolti in modo differenziato siano trasformati il più possibile vicino al luogo in cui vengono raccolti. È il momento di dialogare con i territori per aiutarli a dotarsi di competenze professionali adeguate».

Ma vediamo regione per regione quale è la situazione attuale. La Campania dispone di 16 impianti per il trattamento dei rifiuti. Ma gliene servirebbero altri 38. Non le bastano, ed è noto, i quattro di compostaggio poichè ce ne vorrebbero almeno altri 15, secondo il Conai. Dispone poi di un termovalorizzatore, quello di Acerra, gestito da A2A: sebbene in passato, ai tempi della grande emergenza ne fossero invocati altri cinque, oggi non se ne richiedono altri. Ma per il Conai, la dotazione andrebbe integrata con altri 3 impianti di selezione (oltre ai sei STIR esistenti). Ci sono nella stessa regione due discariche di servizio e ne servirebbero altre 4. L’adeguamento richiede investimenti per 360 milioni e creerebbe 540 posti di lavoro.

In Sicilia, ai 21 impianti di compostaggio dovrebbero aggiungersene altri 9. Servirebbero poi 5 discariche di servizio. E sopratutto un termovalorizzatore. In totale mancano all’appello ben 35 impianti, per i quali servirebbe un investimento di 537 milioni. Si ritiene che tutto ciò potrebbe dare lavoro ad almeno 500 persone.

Alla Puglia, nonostante una dotazione di 34 strutture, si ritiene che manchino 22 fabbriche: 5 per il compostaggio, altrettante per il trattamento delle terre da spazzamento, quattro discariche di servizio. E un termovalorizzatore anche se piccolo. Qui con 340 milioni di investimenti si potrebbero creare anche 300 posti di lavoro. La Calabria ha una forza di 23 impianti ma per trovarsi pronta nel 2030 dovrà realizzarne altri 11 che potrebbero dar lavoro a 150 persone. Servono almeno 154 milioni di investimento. La Basilicata ha oggi 9 impianti e ne dovrebbe realizzare altri 6. Infine, la Sardegna, una mosca bianca. Dispone di una rete di 32 impianti: sufficiente a trovare una destinazione ai rifiuti raccolti dai Comuni.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti