Le simulazioni dei Consulenti del lavoro

Riforma Irpef, ecco quanto guadagna una famiglia con uno o due figli e un single

Il nuovo meccanismo a 4 aliquote ha registrato il via libera del Consiglio dei ministri

di Andrea Carli

Cambia il Fisco, la riforma premiera' i redditi medi

2' di lettura

Prima ipotesi: famiglia con due figli. Due redditi, in tutto 45mila euro. Un risparmio - ovvero quanto verserà in meno per l’Irpef nel 2022 rispetto al 2021 - di 300 euro per l’intero nucleo (150 a testa per ciascun genitore). Seconda ipotesi: famiglia con un figlio, un solo reddito: 30mila euro l’anno. Risparmio Irpef: 300 euro. Terza ipotesi: single con reddito da 20mila euro. Il risparmio, in questo caso, è di cento euro.

Le quattro aliquote Irpef

Sono alcune simulazioni effettuate dalla Fondazione Studi Consulenti del lavoro per capire quanto si dovrebbe risparmiare con il restyling Irpef, che punta su una nuova progressione e il passaggio da 5 a 4 aliquote: 23% fino a 15mila, come ora, il 25% fino a 28mila, il 35% fino a 50mila e il 43% per i redditi superiori. Taglio strutturale di 7 miliardi di Irpef, 1 miliardo di Irap a partire dal 2022. Il risparmio d'imposta massimo da 707,2 euro è nella fascia di reddito fra 40 e 45mila euro; fra 45 e 55mila la riduzione vale in media 677,8-679,8 euro all'anno, per poi ridursi progressivamente al crescere del reddito fino ad attestarsi a 298,3 euro dai 75mila lordi annui in su (si veda anche Il Sole 24 Ore del 4 dicembre).

Loading...

Il via libera del Cdm alla soluzione

Dopo tre riunioni al Mef, le forze politiche dell’ampia maggioranza che sostiene l’esecutivo Draghi hanno infatti trovato un’intesa politica sulle quattro aliquote. Il Consiglio dei ministri del 3 dicembre ha dato il via libera alla soluzione, con una curva delle detrazioni che punta a ridurre le tasse ai contribuenti tra i 35mila e i 50mila euro di redditi.

Le critiche di Confindustria e sindacati

L’accordo, che è stato criticato sia da Confidustria sia dai sindacati, con l’associazione datoriale a mettere in evidenza l'esigenza di concentrare le risorse su cuneo fiscale e incentivi per giovani e donne e Cgil, Cisl e Uil a parlare di scarsa attenzione ai redditi più bassi - sarà formalizzato in un emendamento chiave alla legge di Bilancio, allo stato attuale all’esame del Senato.

LE SIMULAZIONI IRPEF
Loading...

Non c’è intesa Cdm, salta contributo solidarietà

Non sarà introdotto invece il contributo di solidarietà per i redditi più alti, per far fronte al rincaro delle bollette. Lo si è appreso al termine del Consiglio dei ministri. La misura è stata cassata vista la spaccatura del governo e la contrarietà di Lega, Fi e Iv. L’idea era quella di annullare gli effetti del taglio dell’Irpef per i redditi sopra i 75mila euro (valore, 248 milioni).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti