La fiera del benessere

Rimini Wellness, 1 italiano su 3 si dedica alla cura del corpo

di Tiziana Pikler


default onloading pic

3' di lettura

Un giro d’affari di 10 miliardi all’anno e 18 milioni di praticanti. È il mondo del fitness in Italia che si ritrova a Rimini Wellness dal 30 maggio al 2 giugno. La kermesse dedicata a fitness, benessere, business, sport, cultura fisica e sana alimentazione quest’anno attende alla Fiera di Rimini gruppi di visitatori da circa 80 Paesi, con i mercati più rappresentanti (Sud-Est europeo, Sud America e Medio Oriente). L’evento, insieme ad altre 52 fiere e 181 eventi congressuali tenuti nella doppia sede di Rimini e di Vicenza, è organizzato da Italian exhibition group , società che ha chiuso il bilancio 2018 con ricavi totali consolidati di 159,7 milioni, un Ebitda di 30,8 milioni e un utile netto consolidato di 10,8 milioni.

Alla Fiera di Rimini dal 30 maggio al 2 giugno

Quella che sta per aprire è la 14esima edizione, il cui successo si deve alla

capacità di riunire le due anime delle attività sportive non agonistiche, il grande pubblico degli appassionati e il mondo degli operatori di un mercato, come quello italiano che in Europa è secondo dietro soltanto a quello tedesco. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di praticanti sono Lombardia con il 19% degli abitanti, Veneto (11%), Emilia-Romagna e Lazio (10%), Toscana (8%), Campania (6%), Puglia e Sicilia (4%).

A livello mondiale, invece, l’Europa è il continente nel quale le attività di fitness sono più diffuse: il numero di praticanti supera infatti quello degli Stati Uniti e muove un giro d’affari di 26,3 miliardi di euro, contro i 23,3 degli Usa. Sempre in Europa si stima che il settore procuri occupazione a circa 7 milioni di addetti. In Italia, dove tra palestre specifiche e spazi dedicati al fitness in più ampi complessi sportivi si contano 8.114 centri, le figure professionali sono oltre 120mila e la loro richiesta è in continuo aumento, soprattutto per determinate professionalità come i laureati in scienze motorie. Il loro tasso medio di occupazione si aggira intorno al 75% e raggiunge ben il 94,1% a un anno di distanza dalla laurea. Nella maggior parte dei casi si tratta però di forme di lavoro autonome o parasubordinate.

L’indotto del turismo legato al wellness

Ai 10 miliardi del giro d’affari prodotto dal fitness nel nostro Paese, vanno aggiunti 2 miliardi spesi dagli italiani per il turismo legato al wellness. Si tratta di viaggi e soggiorni in Trentino-Alto Adige, Toscana, Umbria e Veneto, Regioni particolarmente vocate per l’offerta termale e del benessere. Questa cifra rappresenta oltre la metà della spesa complessiva dedicata annualmente in Italia alle attività sportive, pari a 22 miliardi (2,3% dei consumi totali secondo i dati Istat, Coni e Federazione italiana fitness). In questa nuova edizione, gli organizzatori hanno deciso di dare maggiore spazio all’internazionalità, ai professionisti e alle proposte formative con 25 sale dedicate a convegni e seminari rivolti a gestori, trainer e corpo docente del mondo fitness, insieme alla presentazione al mercato delle novità del settore.

La suddivisione della Fiera in 5 sezioni

I diversi padiglioni della fiera saranno invece suddivisi nelle tradizionali 5

Dall'Antigravity yoga ai kangoo jumps: le novità per essere in forma da Riminiwellness

Dall'Antigravity yoga ai kangoo jumps: le novità per essere in forma da Riminiwellness

Photogallery11 foto

Visualizza

sezioni che contraddistinguono da qualche anno a questa parte l’appuntamento di Rimini Wellness:

Wpro per le aziende e i professionisti;

Wfun rivolta al pubblico active degli appassionati;

Food well expo dedicata all’alimentazione sana;

Rimini steel destinata alla cultura fisica;

Riabilitec focalizzata sulle tecnologie innovative per la rieducazione motoria.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...