fiere

Riminiwellness raddoppia a Vicenza

di Marika Gervasio

default onloading pic
(12963)

2' di lettura

Riminiwellness raddoppia e arriva a Vicenza con un nuovo evento dedicato al benessere e allo sport organizzato da Italian Exhibition Group (Ieg, la nuova società nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza), a testimonianza dell’importanza crescente di un mercato, quello del wellness che - tra centri termali e benessere, spa e servizi di estetica - muove un giro d’affari di circa 10 miliardi di euro annui con oltre 18 milioni di clienti.

La fascia di utenti fitness più ampia è formata da Generazione Z cioè i 18-25enni (32%) e Millennials di 26-35 anni (27%), seguita da quella di 36-45 anni (21%), 46-55 anni (14%), e infine i 56-65enni (6%). Il 41% dei frequentatori di palestre e centri benessere è single, il 54% è sposato o convive e il 5% è divorziato o separato. A livello territoriale chi è solito frequentare centri fitness e simili abita soprattutto al Nord (il 56%, contro il 25% di chi vive al Centro e il 19% di chi vive al Sud). Più nel dettaglio, le regioni con il tasso più elevato di clienti sono la Lombardia (19%), il Veneto (11%), l’Emilia Romagna, il Lazio (entrambi al 10%) e la Toscana (8%). Al Sud, buone le percentuali registrate da Campania (6%), Puglia e Sicilia (entrambe al 4%).

Loading...

Particolarmente importante è il turismo legato al benessere che in Italia vale oltre 2 miliardi di euro all’anno con un incremento medio di circa il 9%, con Trentino Alto Adige, Toscana e Umbria tra le più gettonate. Per il solo termalismo, invece, troviamo al primo posto il Veneto, con 85 strutture, seguito da Toscana ed Emilia Romagna.

I dati arrivano da Riminiwellness, la manifestazione dedicata al mondo dello sport e del benessere - dai produttori di macchine per l’attività fisica alle palestre, le scuole e le associazioni di categoria, ai cultori del fisico, passando per le spa, le scienze riabilitative, la danza, ma anche il turismo e il design - che apre oggi alla fiera di Rimini. La dodicesima edizione, la prima a marchio Ieg, anche quest’anno occuperà tutti i 16 padiglioni della fiera che ospiteranno circa 400 aziende.

«Vogliamo dare ancora più rilevanza all’evento che da tempo è stato riconosciuto leader indiscusso, con una partecipazione internazionale in continua crescita - commenta Corrado Facco, direttore generale di Ieg -. Ci impegneremo per portare la manifestazione a un successo ancora maggiore, mantenendo la formula unica delle due anime B2B e B2C».

Ieg ha chiuso il 2016 con un fatturato di 124,8 milioni di euro, un ebitda di 21,9 milioni e un risultato netto consolidato di circa 6,6 milioni di euro. Riminiwellness è tra le cinque manifestazioni più importanti per la società, come spiega Facco che aggiunge: «È un grande laboratorio di ricerca e di sviluppo che l’anno scorso ha fatto registrare un’affluenza record di oltre 266mila visitatori. Per questo motivo stiamo lavorando al progetto di un’edizione autunnale a Vicenza. Si chiamerà Move».

Anche il territorio romagnolo si prepara a ospitare la kermesse con 2.587 hotel, 1.720 ristoranti, oltre 200 locali notturni aperti, 700 stabilimenti balneari, 350 campeggi e 19 parchi divertimento.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti