shopping

Rinascente rilancia lo store di Torino, sei piani con un nuovo look

Un investimento da 60 milioni per acquisire il building e rinnovare le aree commerciali da 75mila metri quadri

di Filomena Greco


default onloading pic
Le vetrine della Rinascente a Torino

3' di lettura

Un rilancio da oltre 60 milioni di euro che porta Torino ad essere la terza piazza per estensione del Gruppo La Rinascente, grazie prima all’acquisto del building per 33 milioni e poi ai lavori di ristrutturazione e allestimento per i sei piani. La settimana scorsa c’è stata l’inaugurazione ufficiale per quello che si presenta come uno dei progetti principali per il Gruppo nel corso del 2019-2020. «La nostra ambizione è quella di realizzare lo spazio commerciale più bello della città» dice l’amministratore delegato Pierluigi Cocchini.

L’amministratore delegato Pierluigi Cocchini

Lavoro di squadra con i brand
In tre anni la Rinascente di via Lagrange ha cambiato pelle grazie anche all’impegno dei brand che hanno garantito una quota – circa 5 milioni – delle risorse destinate a rinnovare il punto vendita. In totale 7.500 metri quadri di superficie, «di fatto lo consideriamo un mini flagship – spiega il ceo Pierluigi Cocchini – pur restando sotto la soglia dei 10mila metri quadri». Con l’obiettivo di costruire un luogo di riferimento per l’intera città, dedicato al lusso e allo shopping.

L’idea di shopping destination
Uno spazio commerciale ampio che attrae, nella visione di Rinascente – acquisita dal Gruppo thailandese Central Retail Corporation –, visitatori prima ancora che clienti, un approccio che supera l’orizzonte dello shopping experience ma punta a diventare esperienza di per sé, come è il caso delle vetrine iper realiste presentate nei giorni dell’inaugurazione. Grande attenzione all’architettura del palazzo, completamente rivestito di travertino per richiamare uno dei tratti distintivi della città di Torino, i portici del centro. Ognuno dei sei piani è stato disegnato da un designer diverso, per costruire la scatola che oggi ospita 800 brand. La rivoluzione commerciale ha investito soprattutto la proposta destinata alle donne, con soltanto tre brand confermati rispetto al passato. Oltre al piano dedicato alla casa e all’home decor.

Rinascente Torino, le novità all’esterno e all’interno

Rinascente Torino, le novità all’esterno e all’interno

Photogallery35 foto

Visualizza

A ogni città il suo assortimento
Un tocco di glamour milanese impiantato nella città della Mole. «In realtà – spiega Cocchini – i negozi sono fatti per le singole città, non vogliamo costruire un “duty free” impersonale ma fare in modo che lo spirito di Torino si possa respirare, sebbene con il nostro Dna». Per questo nella Rinascente di Torino trova spazio una cantina importante, un reparto food con prodotti artigianali e grande spazio per il cioccolato, prezioso nella tradizione del Piemonte. Senza dimenticare, aggiunge il ceo, torinese di origine, «un’attenzione all’understatement sabaudo nell’architettura del negozio».
Una piazza, quella di Torino, «dove siamo arrivati con lo stesso atteggiamento adottato per i punti vendita di Milano e Roma» dice Cocchini, senza escludere la possibilità di espandersi ulteriormente. E che rappresenta uno degli investimenti principali dell’ultimo periodo. Per i nove negozi in Italia, il Gruppo Rinascente ha programmato la ristrutturazione dello store di Firenze, entro novembre 2020, e di tre piani della Rinascente Duomo, a Milano, «poi probabilmente continueremo con il rinnovo del secondo store di Roma, Fiume, che si conferma il terzo per fatturato nella nostra rete. Stiamo lavorando con la proprietà, Prelios, ad una proposta di rinnovo con un investimento stimato pari a 30 milioni».

Novità gastronomica
Tra le novità dello store di Torino il ristorante nippo-brasiliano Temakinho posizionato al fianco dell’ingresso principale. Un vero e proprio esperimento, per la posizione scelta, al piano terra, accanto a cosmetica e accessori lusso come le borse. «Si tratta di una scelta che sta pagando già nei primi giorni e che genera traffico» conclude Pierluigi Cocchini .

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...