ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrasporti

Rincari in vista per il biglietto dell’autobus, ecco la mappa degli aumenti

Assoutenti: il 2023 si è aperto all’insegna dei rincari nel comparto dei trasporti. A partire dall’1 gennaio, gli italiani sono stati chiamati a fare i conti anche con gli aumenti dei listini di benzina e gasolio causati dall’addio al taglio delle accise e con gli incrementi dei pedaggi autostradali

Autostrade, bus e carburanti: ecco la mappa degli aumenti

2' di lettura

A Napoli il biglietto è già salito da qualche mese da 1 euro a 1,20 euro; a Milano il biglietto dal 9 gennaio costerà 2,20 euro, con un aumento di 20 centesimi. A Parma l’aumento è di 10 centesimi con il costo del biglietto di corsa semplice che passa da 1,50 euro a 1,60 euro. A Ferrara il costo dei bus passa da 1,30 a 1,50 euro, mentre a Foggia dal prossimo marzo il biglietto semplice costerà 1 euro (+10 cent). A Roma, poi, da agosto 2023 il prezzo schizzerà dagli attuali 1,50 euro a 2 euro, con un aumento del 33%. A tracciare la mappa dei rincari che hanno caratterizzato e caratterizzeranno i biglietti dell’autobus è Assoutenti.

Inizio 2023 all’insegna dei rincari

Più in generale, l’associazione dei consumatori sottolinea che il 2023 si è aperto all’insegna dei rincari nel comparto dei trasporti. A partire dall’1 gennaio, infatti, gli italiani sono stati chiamati a fare i conti anche con gli aumenti dei listini di benzina e gasolio causati dall’addio al taglio delle accise e con gli incrementi dei pedaggi autostradali.

Loading...

Con stop taglio accise su carburanti 366 euro all’anno in più

Andando nel dettaglio, Assoutenti stima un aggravio di spesa in media pari a +366 euro annui a famiglia come effetto dell’eliminazione del taglio alle accise che gravano sui carburanti, che avevano portato ad una riduzione dei prezzi, considerando anche l’Iva, di 30,5 centesimi di euro, poi ridotto a 18,3 centesimi. Indipendentemente dall’andamento dei listini alla pompa nel corso del 2023, la maggiore spesa solo per il rialzo delle accise sarà quindi pari, ipotizzando due pieni a famiglia al mese, a 366 euro all’anno.

Rincari del 2% sui pedaggi autostradali della rete Aspi

C’è poi la questione pedaggi autostradali, che come noto sulla rete Aspi sono aumentati del 2% dall’1 gennaio, con un ulteriore rincaro dell’1,34% a partire da luglio 2023. In base alle elaborazioni di Assoutenti, per andare da Roma (sud) a Milano (ovest) il pedaggio sale dai 46,5 euro del 2022 agli attuali 47,3 euro, per poi raggiungere 48 euro a luglio, con un aumento di 1,5 euro. Da Napoli (nord) a Milano si spendevano lo scorso anno 58,6 euro: ora servono 59,7 euro (60,5 euro a luglio, +1,9 euro). Per le tratta Bologna-Taranto la spesa sale da 55,1 euro a 56,1 euro del 2023 (56,9 euro da luglio, +1,8 euro).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti