ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùvertenze

Rinnovi contrattuali, 8 lavoratori su 10 in attesa nel privato

Contratto scaduto per oltre 10,5 milioni di addetti, che diventano oltre 13,5 milioni considerando il pubblico. Rischio di un autunno caldo per la difficoltà a comporre le vertenze

di Giorgio Pogliotti

Il lavoro che verrà

Contratto scaduto per oltre 10,5 milioni di addetti, che diventano oltre 13,5 milioni considerando il pubblico. Rischio di un autunno caldo per la difficoltà a comporre le vertenze


4' di lettura

Nel privato quasi 8 lavoratori su dieci sono in attesa di un rinnovo del contratto nazionale. Si tratta di 10,5 milioni di lavoratori, il 79,2% per l’esattezza, mentre 2,7 milioni il contratto di lavoro lo hanno già rinnovato (20,8%). Se a questi vi aggiungiamo i circa 3,2 milioni di dipendenti pubblici che attendono di vedere rinnovata ancora la tornata contrattuale 2019-2021, le vertenze nel complesso riguardano oltre 13 milioni e mezzo di lavoratori. Alla ripresa c’è il forte rischio di un autunno caldo, vista la difficoltà nel comporre alcune vertenze.

Sono i dati dell’archivio dei contratti nazionale del Cnel, integrato con il flusso informativo Inps-Uniemens a darci il quadro delle vertenze in atto con l’esclusione dei settori agricoltura e lavoro domestico (per i quali i dati affluiscono all’’Inps per altri flussi informativi) .

Loading...

Sono 2,3 milioni in attesa del rinnovo nel terziario

I contratti nazionali in attesa di rinnovo che coinvolgono le maggiori platee di lavoratori sono quello delle aziende del terziario e della distribuzione dei servizi (Confcommercio) che riguarda 2,3 milioni di lavoratori e oltre 381mila aziende, seguito dal Ccnl delle aziende metalmeccaniche (Federmeccanica e Assistal) che riguarda 58mila imprese con 148mila addetti e dal contratto del turismo (Federalberghi, Faita, Confcommercio) che riguarda 118mila aziende e oltre 72mila lavoratori. Segue il contratto nazionale dell’area meccanica (513mila lavoratori), il Ccnl della logistica, trasporto merci (473mila lavoratori), il Ccnl delle imprese dei servizi di pulizia multiservizi (326mila lavoratori) e quello delle cooperative del settore socio-sanitario, assistenziale-educativo (325mila lavoratori).

Treu: rinnovare i contratti codificando il diritto alla formazione

«Un buon punto di partenza, per dare certezza ai lavoratori, è quello di rinnovare i contratti scaduti - sostiene il presidente del Cnel, Tiziano Treu- . Il rinnovo deve tener conto degli elementi resi visibili dall'emergenza Covid: l'universalizzazione dei diritti e la necessità di codificare il diritto alla formazione . Torna d'attualità la proposta del Cnel di istituire il Board per la Produttività che contempli le esigenze del Paese insieme a quelle degli imprenditori e dei lavoratori».

Riprende il confronto (in salita) per i metalmeccanici

Mercoledì 24 giugno riprende il confronto al tavolo per il contratto nazionale dei metalmeccanici. Sulla richiesta contenuta nella piattaforma unitaria di Fim, Fiom e Uilm di un incremento economico dell'8% (pari a circa 153 euro lordi di aumento dei minimi), le posizioni restano distanti con Federmeccanica e Assistal che giudicano la richiesta «insostenibile» in un cotesto di forte recessione. Federmeccanica vorrebbe proseguire in continuità con il Ccnl firmato a novembre del 2016 e scaduto alla fine del 2019, che ha spostato il baricentro economico sulle prestazioni di welfare contrattuale che beneficiano di un regime fiscale agevolato, più che sugli incrementi retributivi diretti. I sindacati puntano ad aumentare le retribuzioni dei metalmeccanici lamentando di avere i salari più bassi d’Europa, chiedono di alzare a 250 euro la quota di flexible benefit, di incrementare a 700 euro annui l’importo dell’elemento perequativo per le aziende in cui non si fa contrattazione decentrata, rafforzando la sanità integrativa e l’adesione al fondo previdenziale. Sullo sfondo la riforma dell'inquadramento professionale, fermo al 1973, necessaria per avere parametri oggettivi di misurazione della professionalità e per premiare il merito.

La piattaforma unitaria dei tessili

Un’altra vertenza aperta riguarda 400mila addetti delle 46mila aziende del settore tessile, abbigliamento, moda con il contratto scaduto a fine marzo. Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil hanno approvato una piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale per il periodo 1° aprile 2020 - 31 marzo 2023 . La richiesta economica dei sindacati è di ottenere aumenti di 115 euro medi sui minimi tabellari, con la trasformazione dell'elemento di garanzia retributiva in elemento perequativo con l'innalzamento economico - dagli attuali euro 300 ai 450 euro annui - in tutte le imprese che non esercitano la contrattazione di 2° livello. I sindacati chiedono anche di incrementare il contributo aziendale per la previdenza complementare Previmoda e di promuovere l'iscrizione al fondo con informazioni periodiche da dare ai non iscritti.

In attesa del rinnovo dalla scuola alla sanità

Scaduti anche i contratti per 3,2 milioni di dipendenti pubblici, che attendono si apra la tornata contrattuale 2019-2021 . In particolare nella scuola, ovvero nel comparto Istruzione e ricerca che interessa 1,2 milioni di lavoratori, il negoziato è fermo e l’impegno preso dal precedente ministro ad un riconoscimento economico a tre cifre rimane solo sulla carta, in assenza di sufficienti risorse. Nella sanità per la tornata contrattuale 2016-2018 con l’intesa dello scorso dicembre circa 130mila medici, veterinari e dirigenti professionisti del Ssn hanno avuto riconosciuto un incremento lordo di 125 euro al mese sullo stipendio base e ulteriori 75 euro sulla parte accessoria del salario, pari a un incremento a regime. del 3,48%. Anche per i 500mila dipendenti del Ssn l’ultimo contratto copre il triennio 2016-2018, mentre nella Sanità Privata i 100mila lavoratori da 14 anni attendevano il rinnovo del contratto, firmato lo scorso 10 giugno dopo una lunghissima trattativa, tra Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl con Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari): riguarda il triennio passato (2016-2018) prevedendo un incremento medio mensile di 154 euro e un'una tantum di mille euro erogata in due tranche.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti