il quesito del lunedì

Riscatto della laurea pagato dai genitori? Solo se il figlio è inoccupato

di Aldo Forte


default onloading pic

1' di lettura

Il quesito. Vorrei pagare il riscatto della laurea quinquennale a mia figlia di 27 anni, che adesso è dipendente con contratto a tempo indeterminato e con contributi Inps. Potrò detrarre le somme versate per il riscatto, oppure solo mia figlia può fruire di tale vantaggio? E la domanda può essere presentata da me o dev’essere presentata da lei?
A.C. - Ancona

La risposta. La domanda di riscatto di laurea dev’essere sempre presentata dall’interessato: quindi, nel caso in esame, dalla figlia. E anche il pagamento dev’essere fatto dalla stessa interessata: il reddito da lavoro, infatti, le impedisce di essere considerata fiscalmente a carico dei genitori.

Il pagamento da parte dei genitori può essere fatto quando si tratta di figli inoccupati, cioè coloro che riscattano la laurea prima di aver iniziato a lavorare. Solo in questi casi la somma può essere pagata dai genitori, che poi avranno la facoltà di detrarre dall’Irpef le somme versate.

Il quesito è tratto dall’inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 1° luglio 2019.

Consulta L’Esperto risponde per avere accesso a un ar chivio con oltre 200mila quesiti, con relativi pareri. Non trovi la risposta al tuo caso? Invia una nuova domanda agli esperti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...