Risparmio

L’app per investire “Gimme5” supera i 25mila clienti

  • Abbonati
  • Accedi
fintech

L’app per investire “Gimme5” supera i 25mila clienti

Piace il salvadanaio digitale che si finanzia anche con 5 euro. La app creata da Acomea, Gimme5, ha superato nei giorni scorsi i 200.000 utenti iscritti e ha più di 25.000 clienti che risparmiano e investono continuativamente ogni mese.

Sono oltre 25 i milioni di euro già risparmiati con questa modalità.
L'obiettivo di Gimme5 è quello di aiutare le persone a mettere da parte piccole somme in automatico e al contempo investirle per farle crescere nel tempo. Non ci sono vincoli di importo o di frequenza dei versamenti ed è possibile riscattare le somme risparmiate e investite in qualsiasi momento. Ognuno può crearsi liberamente la propria dinamica di accumulo automatica e invitare amici e parenti a contribuire ai propri progetti risparmio.

Come funziona
I risparmi vengono investiti in fondi comuni scelti dall'utente in base al profilo di rischio/rendimento. Trattandosi di fondi dotati di patrimonio segregato, l’utente sa di investire in strumenti che offrono garanzie in termini di affidabilità. In una prima fase vengono proposti tre profili: prudente, dinamico e aggressivo. Ogni mese gli utenti risparmiano in media 140 euro e il patrimonio medio risparmiato ogni anno oscilla tra 1.000 e 1.200 euro. I clienti restano investiti in media due anni e poi, una volta raggiunti i propri obiettivi, spesso tornano a investire per nuovi progetti.
«Un vantaggio - spiega Flavio Talarico, responsabile prodotto Gimme5 (AComea) - è quello di accompagnare l'utente nella crescita della propria consapevolezza finanziaria attraverso un percorso di contenuti e approfondimenti dedicati e una serie di funzionalità avanzate che vengono messe a disposizione nel tempo».

I costi
Altro vantaggio di Gimme5 sono i costi legati al servizio. Non ci sono commissioni di ingresso o di uscita e il costo del rimborso è di euro 1 indifferentemente dalla cifra che si intende riscattare. I tre profili proposti hanno però dei costi legati alla gesetione dei fondi: inizialmente hanno un costo annuo (Ter) che va dallo 0,9% del Prudente all'1,13% dell'Aggressivo. Il costo è sicuramente superiore a quello che l’investitore può sostenere acquistando un Etf “passivo” sull’azionario o sui bond anche se in questo caso ci sono gli oneri legati al dossier titoli oltre alle commissioni che si diluiscono più è alto l’importo. Anche i Pac spesso offerti dai broker, attraverso l’acquisto di Etf, diventano particolarmente convenienti se si superano delle soglie di investimento minime. Il grande punto di forza di Gimme5 si concretizza nel versamento di somme minime (5 euro ad esempio) con costi tutto sommato interessanti rispetto alla comodità dei mini versamenti.

© Riproduzione riservata