Sportive estreme

Ritorna la 911 Gt3: è la Porsche da pista

La marca di Zuffenhausen introduce la quarta serie con l’aspirato da 510 cavalli

di Giulia Paganoni

default onloading pic
La 911 Gt3 è frutto di un maniacale studio aerodinamico. Nella foto l’alettone posteriore contraddistinto da un profilo a collo di cigno

2' di lettura

Debutta la versione Gt3, cioè la più estrema e votata alla pista, dell'ultima serie di Porsche 911, quella designata dalla sigla 992 e lanciata due anni fa. La quarta generazione di 911 Gt3 prosegue nel portare su strada l’esperienza maturata nel motorsport.

Per gli appassionati del marchio di Zuffenhausen, la Gt3 è sempre stata una vettura di grande appeal sin dal lancio avvenuto nel 1999 con la generazione della 996 (la prima raffreddata ad acqua) a cui fece seguito la continua conferma del motore aspirato.

Loading...

Nuova ma, per la felicità di tutti gli appassionati, fedele al Dna confermando l'iconico flat six, il motore sei cilindri aspirato abbinato sia al cambio manuale sei marche sia alla trasmissione automatica Pdk.

L'esperienza accumulata nelle competizioni è ben presente nelle caratteristiche di questo modello. A partire dall'aerodinamica (nuovo diffusore e alettone posteriore a collo di cigno), alla configurazione dell'asse anteriore a doppio braccio oscillante (una novità assoluta) e dal contenimento dei pesi grazie all'uso diffuso di materiali leggeri.

Rispetto alla generazione precedente, le dimensioni sono più generose: lunga 4.573 mm, larga 1.852 mm con un passo di 2.457 mm e un'altezza da terra di 1.279 mm. Nonostante questo, il peso è rimasto contenuto: 1.418 kg con il cambio manuale che diventano 1.435 con il Pdk.

Il noto sei cilindri boxer 4.0 litri aspirato arriva a erogare fino a 510 cv con una coppia massima di 470 Nm ed è limitato a 9.000 giri. Lo spunto 0-100 km/h viene coperto in soli 3,4 secondi (solo 2 decimi di secondo in più rispetto alla sorella elettrica Taycan Turbo) ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 320 km/h (318 km/h con il Pdk).

Anche se un'auto del genere è più votata alla sportività che ai dettagli degli interni, i tecnici Porsche non hanno sottovalutato questo aspetto creando delle personalizzazioni ad hoc per il modello. Ne è un esempio lo schermo da pista che permette di visualizzare in modo chiaro e immediato le informazioni più importanti durante le fasi di guida sportiva. Un tocco racing è dato dall'assistente visivo al cambio marcia con barre colorate, a sinistra e a destra del contagiri, e una spia di cambio marcia. Ulteriore personalizzazione è data del programma Porsche Exclusive Manufaktur che permette di arricchire l'auto con ulteriori dettagli. La Gt3 ha un prezzo di listino che parte da circa 173mila euro e le prime consegne sono previste per il mese di maggio.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti