ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVideogiochi

Ritorna Mario + Rabbids: tante buone idee e qualche rischio ma vince solo chi sa osare

Ubisoft Milano sceglie di ampliare un game design di successo. Il crossover di SuperMario e dei coniglietti folli è ancora più strategico e divertente. È il sequel più coraggioso

di Luca Tremolada

2' di lettura

Lo studio di sviluppo Ubisoft di Milano ha fatto ancora centro. Mario + Rabbids: Sparks of Hope è il sequel di un gioco che aveva stupito il mondo. Aveva dimostrato che anche in Italia si poteva giocare con delle icone sacre come Super Mario e i coniglietti pazzi della multinazionale francese. Ebbene, quattro anni dopo quell’impresa sono tornati con un gioco tutto nuovo, innovativo, coraggioso e più divertente. Il passaggi da tattico a turni a strategico in tempo reale non è marcato. Spariscono le griglie e viene “liberato” il movimento. Si gestiscono tre eroi alla volta con i loro spark, esserini a forma di stella che donano un’abilità attiva e un bonus passiva. Anche la narrazione è più convinta e ispirata. C’è qualche problema di bilanciamento e nell’intelligenza artificiale ma il nuovo Mario+Rabbids è a tutti gli effetti una dimostrazione di maturità e coraggio. E non era scontato.

Cosa cambia nel gameplay?

Detta brutalmente tra un turno e l’altro ti puoi muovere. Sembra una cosa piccola visto che alla fine si tratta di trovare le copertura. Ma andando avanti ti accorgi che si amplliano le possibilità di difesa e di attacco. Così come l’introduzione degli spark non rappresenta un semplice potenziamento. Un esempio di Spark: Galascudo ha il Potere Attivo “Corazza” e il Bonus Passivo “Atletismo”. La loro efficacia può essere gestita, aumenta di livello diventando così un elemento della vostra strategia. Il sistema di progressione infine si ispira a quello passato. Come si vede quindi il gameplay si arricchisce, le opzioni aumentano così’ come la fluidità del gioco.

Loading...
Mario + Rabbids Sparks of Hope - Trailer della Storia

Cosa non ci è piaciuto

L’impressione è che l’intelligenza artificiale dei nemici non tenga il passo delle opzioni strategiche del giocatore. I nemici sembrano fermi tatticamente al primo capitolo della saga. L’altro aspetto meno convincente è legato alla progressione nel gioco. Per essere più chiari, all’inizio gli scontri sono fin troppo semplici e prima di iniziare a divertirsi davvero la gavetta è lunga. Non è un peccato mortale ma un migliore bilanciamento avrebbe aumentato il ritmo di progressione del gioco.

Cosa ci è piaciuto

Che hanno osato. Potevano tranquillamente accontentarsi della formula “more of the same” e aumentare durata e situazioni forti del successo di Mario + Rabbids Kingdom Battle. Sono stati coraggiosi e hanno reso sorprendente un titolo che piacerà ancora di più agli amanti degli strategici. Poi colonna sonora, animazioni e stile sono una gradita conferma di un team di “nintendari” che sa interpretare la leggerezza delle opere di Super Mario.

Riproduzione riservata ©
  • Luca TremoladaGiornalista

    Luogo: Milano via Monte Rosa 91

    Lingue parlate: Inglese, Francese

    Argomenti: Tecnologia, scienza, finanza, startup, dati

    Premi: Premio Gabriele Lanfredini sull’informazione; Premio giornalistico State Street, categoria "Innovation"; DStars 2019, categoria journalism

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti