ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMondial

Ritorna Renault 4 e arriva la Jeep elettrica ma al salone di Parigi la scena è dei cinesi

Nella rassegna che chiuderà domani solo due poli europei: il gruppo francese guidato da Luca de Meo e Stellantis. Sotto i riflettori le case asiatiche mostrano una temibile avanzata con idee fresche, innovazione e una raffica di auto a ioni di litio

di Mario Cianflone

il prototipo 4 ever Trophy che anticipa la futura Renault 4 che recupera gli stilemi del mitico modello francese e li declina in un suv elettrico. La vettura di serie arriverà nel 2025

4' di lettura

Parigi 2022, un salone atipico ma che passerà alla storia quello in chiusura martedì. E non accadrà per la rilevanza delle novità (poche) presentate quanto piuttosto per la massiccia presenza di costruttori cinesi, Byd e Great Wall che hanno approfittato del primo «Mondial» post pandemico, per mostrare i muscoli come non mai. Sembrano dire: «Ci credevate dei costruttori naive di serie B, capaci solo di scopiazzare e costruire auto brutte e con una tecnologia arretrata. E invece no! Siamo qui pronti sfidare e battere i colossi tradizionali con idee fresche, innovative, display girevoli e superbatterie».

La concept car R5 Turbo 3E elettrica a trazione posteriore che rilancia l'dea della mitica R5 da Rally

Come è stato possibile? Semplice, la rivoluzione dell’auto elettrica spinta dalla Ue ha ridotto il gap competitivo e spostato il baricentro dell’auto verso software ed elettronica. E questo era evidente sotto i riflettori di una rassegna priva della presenza dei tedeschi e con solo due poli di peso: Renault e Stellantis.

Loading...

La show car Dacia Manifesto che esprime le future tendenze del brand rumeno

I cinesi hanno, dunque, finito di copiare in malo modo? Sì, ma solo in parte, perché le ispirazioni le hanno prese eccome. Però basta vedere le tre proposte di Byd (Han, Tang e Atto 3) ideate per lo sbarco in Europa e in Italia per capire il salto in avanti compiuto da un azienda nata clonando in modo raccapricciante la Bmw X5.

La Seal con la quale Byd (Build Your Dremas) sfida Tesla Model 3

Adesso, invece, controlla a 360 gradi la catena del valore delle Bev e sta dando dare esecuzione al suo slogan/sigla : «Built Your Dream (BYD)», «costruisci i tuoi sogni» e tra questi c’è certamente l’idea di sfidare Tesla Model 3 e lo fa con un modello, la Seal, berlina EV, da 700 km di autonomia (secondo l’omologazione in Cina dove costa 30mila euro) apparsa proprio a Parigi (non è sicuro se arriverà in Europa). Lo stile non è male, con qualche citazione che arriva da Porsche Taycan e da Kia EV6 . Vanta tecnologia a 800 Volt e uno schermo rotante per l’infotainment. E in questi gadget hi-tech, come negli smartphone, i cinesi sono uno o due passi avanti.

La Next Ora Cat di Great Wall, berlina dallo stile molto ispirato a Porsche

Byd ha destato interesse ma anche Great Wall non è stata da meno con i marchi Ora e Wey. Il primo ha lanciato la versione europea del suv Coffee 01, plug-in hybrid (eh sì, i cinesi lanciano la sfida anche sulle phev) con autonomia record in EV: ben 147 km. Il secondo ha svelato la concept berlina coupé Ora Next Cat dal design singolare e ispirato al linguaggio stilistico Porsche.

Il suv VF 7 della vietnamita Vinfast ispirato a Bmw iX

E sotto i riflettore c’era anche l’emergente vietnamita Vinfast con tutta la nuova gamma elettrica (VF6, 7, 8 e 9). Insomma, la presenza orientale era effervescente ma è palese che agli orientali manca l’immagine e il valore dei marchi, dote che non fa, invece, difetto agli altri due protagonisti della rassegna francese: i gruppi Renault e Stellantis.

Avenger. Il «vendicatore» di Jeep si svela completamente a Parigi: il nuovo suv compatto è elettrico con circa 400 km di autonomia (ma in alcuni mercati sarà offerta la variante a benzina, gli interni sono semplici con un display da 10.25”

La casa della Losanga ha svelato un altro tassello della sua strategia neo retrò tesa al ritorno in chiave elettrica dei miti del passato: R4 e R5 . Del resto, Luca de Meo, il ceo italiano del gruppo francese fu uno degli artefici dell'operazione Fiat 500 del 2007. R4 e R5 indicano chiaramente che Renault vuole aggredire il segmento delle Bev di segmento B . Sotto i riflettori del Mondial, la casa ha esibito la 4ever Trophy, concept di «ev suv» compatto che anticipa la nuova edizione a zero emissioni della mitica R4 che debutterà nel 2025.

Avenger. Il «vendicatore» di Jeep si svela completamente a Parigi: il nuovo suv compatto è elettrico con circa 400 km di autonomia (ma in alcuni mercati sarà offerta la variante a benzina, gli interni sono semplici con un display da 10.25”

Sullo stand parigino, anche la futura R5, altro storico mito di Renault, presente in due versioni: il concept della berlina e l'emozionante prototipo R5 Turbo 3E, elettrica da 380 cavalli che ricorda la leggendaria R5 Turbo da Rally. De Meo non fa mistero di voler convincere la Fia a modificare il regolamento WRC per far correre le elettriche. In vetrina la Dacia Manifesto, concept che proietta la direzione del brand rumeno e la Jogger ibrida che eredita il sistema e-tech di Clio e Captur da 140 cv. Sotto i riflettori di Parigi non sono mancati i veicoli per la mobilità urbana condivisa come Mobilize Duo, erede per lo sharing del Twizy, e Solo, e-scooter monopattino a 3 ruote.

DR automobile. La casa molisana ha lanciato S8 che completa verso l'alto la gamma del neonato brand Sportequipe suv a 7 con powertrain phev a Gpl da posti 320 cv

Stellantis ha, invece, tolto definitivamente i veli alla Jeep Avenger, B-suv , costruito in Polonia, prima elettrica per l'Europa del marchio che arriverà a inizio ’23. Vanta 154 cv e 400 km di autonomia grazie a una batteria da 54 kWh. La vettura, lunga 4,08 metri è basata sulla piattaforma STLA small , versione rivista della famosa Cmp.

Mobilize . Solo è un veicolo monoposto elettrico a tre ruote dedicato alla città

Solo in alcuni mercati (come quello italiano e spagnolo) sarà offerta, già al lancio con la 1St edition, anche a benzina spinta dal PureTech 1.2 turbo. Gli interni di Avenger vedono un plancia dominata dal sistema Uconnect da 10,25” (derivato da Fiat 500). Prima apparizione pubblica, infine per Peugeot 408 che porta una ventata di originalità in un mondo suv centrico. A Parigi, infine, è andata in scena DR con il suv ibrido plug-in a GPL Sportequipe S8.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti