Manovra da 31 miliardi, dall'addio al superticket allo stop agli aumenti Iva

14/14aiuto alla crescita

Ritorno all’Ace al posto della mini Ires mai decollata

default onloading pic

Tra i ritorni più attesi per le imprese c’è quello dell’Aiuto alla crescita economica. L’Ace era stato previsto dal decreto salva-Italia del Governo Monti a fine 2011 con il tentativo di agevolare chi puntava a rafforzare il proprio capitale. Il premio riconosciuto è andato via via crescendo finché la legge di Stabilità del 2017 ha portato il rendimento figurativo del capitale proprio su cui si calcola il bonus dal 4,75% all’1,6% per scendere ulteriormente all’1,5% dal 2018. Poi la legge di Bilancio dello scorso anno ha deciso di archiviare l’agevolazione, che nel 2017 è stata sfruttata da ben 622mila imprese (tra ditte individuali e società di persone e capitali) e di sostituirla con la cervellotica mini-Ires. Norma quasi inapplicabile che ha reso necessario un corposo restyling contenuto nel decreto crescita di metà anno. Ora si profila una giravolta di 360 gradi, cancellandola e ripristinando l’Ace su cui però la manovra dovrà chiarire la decorrenza per non lasciare un anno di “buco”.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti