blitz in Sicilia

Ritrovata la biga di Morgantina rubata nel 2017

Un’operazione dei carabinieri nei confronti di una banda di 17 persone ha consentito di riportare alla luce la scultura in bronzo del V secolo a.C. scoperta nell’Ottocento e trafugata con l’elicottero dal cimitero di Catania

default onloading pic
La biga di Morgantina recuperata dai carabinieri di Catania

Un’operazione dei carabinieri nei confronti di una banda di 17 persone ha consentito di riportare alla luce la scultura in bronzo del V secolo a.C. scoperta nell’Ottocento e trafugata con l’elicottero dal cimitero di Catania


2' di lettura

Ritrovata la biga di Morgantina, reperto archeologico trafugato nel 2017: nei guai 17 persone per reati che vanno dalla rapina, all’estorsione, passando per ricettazione e furto di opere antiche. Il tutto a seguito di un blitz dei carabinieri del comando provinciale di Catania che nella mattina di venerdì 18 ottobre hanno eseguito il provvedimento della locale Procura che si è messa sulle tracce della banda di malviventi. L’inchiesta, secondo la nota informativa, ha «consentito di sgominare un gruppo criminale a elevata pericolosità sociale, dedito alla commissione di reati contro il patrimonio nelle province di Catania, Enna e Siracusa».

La scoperta nell’Ottocento
Durante le indagini militari dell’Arma hanno recuperato, prima che potesse essere venduta al mercato nero delle opere d’arte, la Biga di Morgantina, struttura bronzea scoperta alla fine dell’Ottocento proprio nei pressi dell’attuale sito archeologico di Morgantina in provincia di Enna, trafugata dai criminali nel giugno del 2017 dal cimitero monumentale di Catania. In una stanza «segreta» ricavata in una villa privata di Piazza Armerina (Enna) i carabinieri hanno trovato e sequestrato due statue di cavalli in bronzo.

Il furto con l’elicottero
La Biga di Morgantina, struttura in bronzo del 450 avanti Cristo, è stata rubata nel giugno del 2017 con un elicottero dalla volta della cappella della famiglia Sollima del cimitero monumentale di Catania. È quanto emerge da indagini dei carabinieri del comando provinciale che l’hanno recuperata e hanno arrestato gli autori del furto, assieme ad altri componenti di una banda di rapinatori. Secondo quanto si è appreso, sarebbero stati gli indagati, intercettati, a ricostruire la dinamica dell’operazione illegale, realizzata con un complice interno al cimitero.

L’occultamento del gruppo scultoreo
Il gruppo criminale dalla vendita dell’opera bronzea sperava di potere realizzare due milioni di euro. Una volta imbragata la biga è stata sollevata con elicottero e poi poggiata su un camion. Successivamente è stata divisa: la carrozza è stata nascosta in un garage nel Catanese, i due cavalli appunto occultati in una stanza «segreta» realizzata in una villetta privata dell’Ennese.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti