alta hotellerie

Ritz Hotel, il simbolo del lusso di Londra passa a un fondo anonimo del Qatar

Forse controversie ereditarie alla base della decisione degli ex proprietari, i gemelli milionari Barclay. La chiusura si protrarrà fino a giugno

di Sara Magro

default onloading pic

Forse controversie ereditarie alla base della decisione degli ex proprietari, i gemelli milionari Barclay. La chiusura si protrarrà fino a giugno


2' di lettura

Mentre tutto il mondo è in stand by, paralizzato dalla pandemia, si concludono affari clamorosi. Come la preannunciata vendita di The Ritz Hotel London (www.lhw.com/ritzlondon), uno degli indirizzi più lussuosi della capitale, uno dei pochi a fregiarsi dello stemma della Casa Reale Inglese, dove il Principe Charles e i Windsor organizzano i loro eventi fuori palazzo.

Punta di diamante di Leading Hotels of the World dal 2000, il Ritz ha cambiato proprietà solo tre volte dall'apertura nel 1906, e soprattutto non ha mai chiuso un giorno. La notizia della vendita è arrivata il 27 marzo 2020, contemporaneamente all'annuncio di chiusura dell'hotel almeno fino a giugno, un periodo troppo lungo anche rispetto alle previsioni di lockdown causa Covid-19.

A venderlo sono i gemelli milionari Sir Frederick e David Barclay, 85 anni, residenti con le rispettive famiglie in un castello su un'isola privata nella Manica, e proprietari del gruppo The Telegraph, e probabilmente la causa risiede in controversie ereditarie.

A comprarlo, invece, sarebbe stato un fondo anonimo del Qatar che, con un'offerta valutata tra 900 milioni e un 1,2 miliardi di euro, ha battuto gli altri concorrenti, tra i quali Lvmh e Sidra Capital. Non è certo una novità per Londra, dove non mancano gli investimenti dell'emirato, appassionato di alta hotellerie.

Qatar Investment Authority possiede gli iconici magazzini Harrods e il distretto finanziario Canary Wharf, mentre Qatari Diar è proprietaria del Villaggio Olimpico e la Qatar National Bank, QInvest, Qatari Islamic Bank e l'impresa di costruzione Barwa Real Estate hanno finanziato lo Shard, il grattacielo più alto di Londra.

Il Ritz Hotel, affacciato su Piccadilly e su Green Park, resta comunque uno dei simboli di Londra. Un monumento ricco di storia, con tre ristoranti e un Casinò dalle infinite liste d'attesa, l'afternoon tea più chic della città, e un'infinità di aneddoti divertenti, come la scena di Notting Hill in cui il concierge Mark, da anni nella Lobby, risponde al telefono: «Come glielo devo dire? Qui non c'è nessuna Pocahontas» (ma l'ennesimo principe mediorientale sì).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...