turismo

Rocco Forte: Italia meta di turismo di lusso, agevolare gli investimenti

di Vincenzo Chierchia

default onloading pic


3' di lettura

«L’Italia ha un potenziale enorme, ma deve favorire di più gli investimenti nel turismo, servono più certezze e iter burocratici più snelli per cogliere tutte le opportunità». A parlare così è Sir Rocco Forte, nato in Gran Bretagna, passaporto inglese, ma italianissimo nel cuore, nel business e nella lingua. Studi all’Università di Oxford (Pembroke College) negli Anni 60, Sir Rocco coltiva un grande obiettivo dallo spessore storico-umanistico: «Vorrei che i nostri clienti, per lo più internazionali e interessati a cultura e lusso di charme, potessero visitare l’Italia con un Grand Tour attraverso i nostri alberghi». Rocco è figlio di Carmine (Charles) Forte emigrato in Scozia dall provincia di Frosinone ai primi del Novecento e fondatore di attività nel settore della ristorazione e dell’accoglienza.

«L’Italia è meta ideale del turismo internazionale con particolaree riuguardo per quello di fascia alta - spiega Forte - i flussi sono i grande crescita e bisognerebbe intercettarli nella maniera giusta. Per fare questo occorre promuovere, sostenere gli investimenti, a livello locale e nazionale. C’è spesso troppa incertezza sui progetti, serve chiarezza sui tempi, gli investitori vogliono interlocutori adeguati».

Loading...

L’occasione per un confronto con Rocco Forte è la riapertura dello storico Hotel Savoy di Firenze in questi giorni con il tocco glamour di Laudomia Pucci e la sapiente regia design di Olga Polizzi, sorella di Rocco.

«Puntiamo molto sull’Italia, il prossimo passo è l’apertura a Roma dell’Hotel de la Ville con una importante ristrutturazione d’intesa con Reale Group - spiega Forte. Raddoppiamo la nostra presenza con un nuovo albergo di lusso accanto all’iconico Hotel De Russie, sempre in zona Piazza di Spagna. Il potenziale di Roma è eccezionale, i panorami dalle terrazze sono mozzafiato; il progetto vale una quarantina di milioni». Nell’operazione entra anche un palazzo in Via del Babuino che verrà ristrutturato con residenze a 5 stelle.

E i prossimi sviluppi? Rocco Forte sta valutando numerose opportunità, da 11 strutture vorrebbe arrivare a 25 nell’arco di 4 o 5 anni. «Vogliamo essere presenti a Milano, destinazione in grande fermento, ed anche a Venezia - spiega -. Guardiamo con estrema attenzione al Sud, a Napoli, alla Costiera amalfitana ed alle opportunità in Sicilia dove siamo già con il Verdura resort di Sciacca collegato ad una destinazione golf di rilievo internazionale. Tutto il Sud è di estremo interesse. La Regione Sicilia sta mostrando dinamismo anche se i livelli di spesa delle risorse Ue per promuovere investimenti sul territorio, ad esempio, sono ancora limitati».

E veniamo all’estero: gli hotel Rocco Forte, tutte icone del turismo di lusso, sono presenti in Grand Bretagna, Germania, Belgio, Russia e Arabia Saudita. «La prossima operazione sarà a Shanghai - aggiunge - nell'ambito di un grande progetto di riqualificazione e sviluppo urbano. L'albergo aprirà nel 2020. Ma stiamo anche guardando alle principali destinazioni, come New York e Miami in Usa oppure Parigi. Stiamo studiando anche operazioni nel Golfo persico, visto che siamo già presenti a Jeddah, avevamo un piano di sviluppo in Medio Oriente che è stato rallentato dalle crisi politiche ma l'area è molto interessante. Probabile anche un nuovo albergo in Germania, stiamo valutando Amburgo». Rocco Forte ha siglato una partnership strategica con gruppo Cdp che ha rilevato il 23% del gruppo alberghiero con unaumento di capitale da 73 milioni.

«Siamo una rande piattaforma di valoriuzzazione del made in Italy - sottolinea Forte -. Guardiamo al food di alta qualità: a Londra per l’Hotel Brown’ di Mayfais abbiamo come chef Heinz Beck, tre stelle Michelin. Nei nostri hotel in Germania i ristoranti sono italiani. Anche a Jeddah l'offerta gastronomica è italiana».

Nell'arco di un anno abbiamo circa un milione di presenze. Il giro d'affari dell'ultimo esercizio è stato di poco meno di 200 milioni di euro, per il 30% relativo all’Italia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti