INNOVAZIONE

Roma si illumina di led, grazie a un’azienda di Lecco

di Luca Orlando


default onloading pic
Marka

2' di lettura

La maxi-commessa con Acea spinge al nuovo record i ricavi di Cariboni, azienda lecchese attiva nei sistemi di illuminazione. Più di 100mila corpi illuminanti a Led per esterni, stanno progressivamente sostituendo i vecchi apparecchi di Roma, consentendo alla Capitale un risparmio nell’ordine dei 19 milioni di euro all’anno.

«La soddisfazione è evidente - spiega il presidente Dante Cariboni - anche perché siamo stati selezionati all’interno di una gara che ha visto 13 aziende qualificate, non solo italiane. Gara in cui alla parte economica si aggiungeva quella tecnica, dove era cruciale l’efficienza del sistema».

Commessa da oltre 20 milioni che spinge i ricavi del gruppo nell’illuminazione al nuovo record di 42 milioni (+25% rispetto all’anno precedente), risultato che verrà probabilmente confermato nell’anno in corso grazie a nuove commesse in via di definizione, per un controvalore globale superiore ai 20 milioni di euro.

«Stiamo trattando proprio in questi giorni - spiega Cariboni - sia in Italia che all’estero. Anche per questo assumiamo costantemente nuovo personale soprattutto in ruoli tecnologici e dai 90 addetti attuali pensiamo di arrivare a quota 100 entro fine anno».

Il business è quello dell’illuminazione a led, con commesse conquistate in tutto il mondo per “accendere” spazi pubblici o privati ad esempio in Norvegia, Germania o Dubai, o ancora a Barcellona, Dubrovnik e Bucarest.

L'operazione a Roma, avviata nell'estate 2016, vedrà la conclusione entro l'anno, con 5mila punti luce per l'illuminazione di aree verdi, percorsi ciclabili e pedonali e altri 123mila per “accendere” strade urbane ed extra urbane: il risparmio di consumi stimato attraverso l’adozione dei led è nell’ordine del 55%.

Il progetto - spiega l’azienda - presentava requisiti vincolanti e la sostituzione dei punti luce ha richiesto un approccio differenziato sulle varie aree d'intervento suddivise per tipologia d'impianto e modalità di realizzazione.

«Ad eccezione dei led - aggiunge Cariboni - per tutto il resto sviluppo e produzione sono interamente made in Italy, attività realizzate da noi o da nostri fornitori. In ricerca lavorano una dozzina di persone e questi investimenti sono essenziali per mantenere la nostra competitività. Visibile anche all’estero, dato che l’export vale il 40% dei nostri ricavi».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...