Fra passato e futuro

Romaison racconta i laboratori e le sartorie di costume della città sui social

Dopo la mostra all’Ara Pacis la valorizzazione di questo patrimonio della Capitale prosegue su Instagram e Facebook con podcast e videointerviste

La Sartoria Tirelli di Roma

2' di lettura

Nei laboratori e nelle sartorie di costume di Roma non è passata solo la storia del cinema italiano, ma anche quella della moda. E continua a farlo: per esempio, i costumi di Bridgerton, serie da record di Netflix, sono stati realizzati dalla sartoria Tirelli e dal Laboratorio Pieroni, su progetto della costumista Ellen Mirojnick; quelli del film “L’isola delle rose”, altro successo della piattaforma, da Annamode.

I costumi della serie Netflix “Bridgerton” sono stati realizzati in collaborazione con due storici atelier romani

Per raccontare questo patrimonio tuttora vivo e vitale è stato lanciato il progetto Romaison, inaugurato lo scorso autunno con una mostra nell’area museale dell’Ara Pacis, dedicata alle creazioni degli atelier della città, e seguita da un itinerario lungo videoproiezioni su edifici simbolo della città.

Loading...

Il progetto oggi torna sulle piattaforme social di Instagram e Facebook, con post fotografici che permettono di fare una visita virtuale al “museo diffuso” degli atelier romani, ma anche appuntamenti, podcast e le video-interviste “Encounters”, focalizzate sugli elementi che rendono memorabile un personaggio cinematografico, come i gioielli, il trucco, le parrucche, gli accessori. Continueranno anche incontri in diretta con costumisti, archivisti e personaggi del mondo del costume e della moda.

Dopo il primo appuntamento del 18 febbraio, un podcast dedicato alla Fondazione Micol Fontana che ha ripercorso la storia dell’atelier e del suo legame con il cinema italiano, il prossimo è previsto per oggi, 24 febbraio, alle ore 12.30: nella prima delle videointerviste “Encounters” sarà protagonista Luigi Rocchetti, dell’atelier Rocchetti e Rocchetti, che da oltre un secolo realizza parrucche e trucco per lo spettacolo. Luigi Rocchetti, ultima generazione alla guida, racconterà degli esordi del laboratorio alla fine dell'Ottocento - con le realizzazioni per il teatro e per l'Opera di Roma - fino alla grandi produzioni cinematografiche, da Fellini a Lynch, Scorsese e tanti altri, alle collaborazioni con il mondo della moda, come quelle per Dior e Gucci.

Luigi Rocchetti nel suo atelier di via Gregorio VII a Roma

Martedì 2 marzo, poi, sarà la voce di Aldo Signoretti a guidare il pubblico per il podcast dedicato al mondo dell’hair styling e del make up per il cinema: dalle acconciature di Apocalypto di Mel Gibson, alla recente collaborazione con Paolo Sorrentino per The Young Pope e Youth, Signoretti è stato più volte premiato col David di Donatello ed è stato per tre volte candidato al Premio Oscar.

Mercoledì 3 marzo, infine, alle 18.30, Alessandra Arezzi Boza, curatrice e storica della moda e considerata tra le più autorevoli creatrici di archivi di moda al mondo, discuterà con Clara Tosi Pamphili, curatrice di Romaison, del ruolo degli archivi come patrimonio storico tra istituzioni pubbliche e collezioni private, ma anche come vero e proprio asset per le imprese.

Quest’anno è in calendario anche la performance “Embodying Pasolini”, diretta da Olivier Saillard e con protagonista l'attrice Tilda Swinton, che “farà rivivere” i costumi dei film di Pier Paolo Pasolini, al Mattatoio a Testaccio. (Ch.B.)

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti