ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCassina

Rotta su Seul, Tokyo e Thailandia

Luca Fuso

di Chiara Bussi

1' di lettura

A Seul è appena calato il sipario su un’installazione dedicata a Cassina dalla casa di moda Boontheshop, con una selezione delle icone più amate del brand. «Quello coreano è un mercato interessante, colto e raffinato – dice l’ad Luca Fuso - dove abbiamo buoni risultati», anche grazie a un negozio monomarca. Cassina è presente in numerosi Paesi asiatici, dove realizza circa un quarto del fatturato estero. «Puntiamo ad arrivare al 30% nel medio termine. Nei primi quattro mesi - spiega Fuso - i nostri ricavi in quest’area sono aumentati di circa il 20% con una forte accelerazione a gennaio e febbraio». La presenza è consolidata in Giappone, dove Cassina opera da quarant’anni, forte anche dei monomarca a Tokyo, Osaka, Nagoya e Fukuoka. «Per affinità culturali - sottolinea - il design made in Italy viene particolarmente apprezzato». E poi Thailandia e Filippine. «Un mercato promettente - spiega- è Taiwan, dove possediamo un monobrand. La performance dipenderà dagli sviluppi geopolitici». Prosegue anche la crescita in Cina. Cassina conta una decina di monomarca nelle principali città e quello di Chengdu è pronto per l’inaugurazione una volta terminata l’emergenza sanitaria. È inoltre prevista l’apertura di altri due negozi nel Paese.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti