Cartelle equitalia

Rottamazione, la Camera vota subito per la proroga al 21 aprile

di M. Mobili e G. Parente


default onloading pic
(12963)

1' di lettura

La notte porta consiglio e alla fine la proroga della rottamazione delle cartelle arriva con un emendamento al Dl sisma in commissione Ambiente alla Camera. Con la riformulazione di un emendamento Giulio Cesare Sottanelli (Sc-Ala) il termine del 31 marzo entro cui è possibile presentare l'istanza di adesione alla rottamazione delle cartelle (ne sono già arrivate oltre 440mila) slitta al prossimo 21 aprile. Allo stesso tempo la modifica approvata in nottata concede a Equitalia fino al 15 giugno 2017 per rispondere ai contribuenti con gli importi dovuti e il pagamento in un’unica soluzione o ripartito in cinque versamenti. I termini dei pagamenti, occorre ricordarlo, restano invariati e quindi il primo o unico appuntamento per il saldo è per la fine di luglio 2017.

Inoltre per i contribuenti residenti nei comuni colpiti dal sisma del Centro Italia tutti i termini della rottamazione, compresi quelli ora progati, slittano di un anno. Numero dei comuni interessati che, con un emendamento del governo, si allarga con altri nuovi municipi colpiti dal sisma. I comuni sono tutti in Abruzzo: tre in provincia del L'Aquila (Barete, Cagnano Amiterno, Pizzoli); uno in provincia di Pescara (Farindola); cinque in provincia di Teramo (Castelcastagna, Colledara, Isola del Gran Sasso, Pietracamela, Fano Adriano).
A chiudere, poi, l'interpretazione autentica della norma sulla possibilità di adesione alla rottamazione anche delle casse di previdenza, ma solo per le cartelle relative ai contributi dalle casse stesse non versati.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...