LA REAZIONE DEL NEMICO AMERICANO

Rouhani contro l’accordo di pace Israele-Emirati: un grande errore

Il presidente iraniano condanna la normalizzazione dei rapporti diplomatici tra i due paesi della regione a 24 ore dalla bocciatura Onu della bozza americana per prolungare l'embargo alla vendita di armi all'Iran

Medio Oriente, Trump: "Storico accordo Israele-Emirati"

Il presidente iraniano condanna la normalizzazione dei rapporti diplomatici tra i due paesi della regione a 24 ore dalla bocciatura Onu della bozza americana per prolungare l'embargo alla vendita di armi all'Iran


2' di lettura

Il presidente iraniano Rouhani condanna l’accordo di pace siglato da Emirati Arabi Uniti e Israele. Non poteva essere altrimenti visto che il vero sconfitto di questo accordo è l’Iran sempre più isolato nella regione mediorientale, isolamento che è uno degli obiettivi del governo israeliano di concerto con gli Stati Uniti che hanno lavorato per questa pace. Il presidente Rouhani in un discorso televisivo oggi 15 agosto rimprovera gli Emirati arabi Uniti, che con l’accordo hanno voluto aumentare il proprio peso regionale e standing mondiale, di aver fatto “un immenso errore” firmando questo accordo. Hanno così permesso a Israele, sostiene il leader iraniano, di avere “un punto di appoggio nella regione”.

Sconfitta Usa all’Onu

Poche ore prima a New York, il consiglio di sicurezza dell'Onu respingeva la risoluzione americana per prolungare l'embargo alla vendita di armi all'Iran. “Il Consiglio di sicurezza ha fallito nell'agire in modo deciso in difesa della pace e della sicurezza internazionale” e questo è “imperdonabile”, ha commentato il segretario di stato americano Mike Pompeo, sottolineando che il Consiglio di sicurezza “ha respinto gli appelli diretti a estendere l'embargo alle armi da numerosi Paesi del Medio Oriente”.

E quindi la vittoria americana per l’accordo di pace Israele-Emirati ha due facce. Da una parte isola l’Iran che trova una sponda all’Onu con la bocciatura della bozza di risoluzione americana per estendere l'embargo sulle armi a Teheran. Il testo ha ottenuto solo due voti a favore (Usa e Repubblica Domenicana), 11 astensioni e due contrari (Russia e Cina). Non avendo ottenuto la maggioranza necessaria di nove sì, Russia e Cina non hanno dovuto esercitare il diritto di veto.

Il documento da settimane era oggetto di un braccio di ferro al Palazzo di Vetro, e per tentare un accordo il testo era stato ammorbidito rispetto alla versione originale affermando soltanto l'estensione dell'embargo sulle armi all'Iran (che scade in ottobre) “fino a quando il Consiglio di Sicurezza non deciderà altrimenti”.

“Nei 75 anni di storia delle Nazioni Unite gli Stati Uniti non sono mai stati così isolati” scrive su Twitter il portavoce del ministero degli steri iraniano, Abbas Mousavi, a proposito della bocciatura del consiglio di sicurezza dell'Onu della risoluzione americana. “Il regime americano deve imparare dai suoi fallimenti e smetterla di umiliarsi alle Nazioni Unite, altrimenti sarà isolato ancora di più”, ha aggiunto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti