Startup

Round da 20 milioni per Poke House, in programma 200 nuovi locali

L'iniezione di capitale arriva dopo meno di un anno dal primo round da 5 milioni guidato da MIP

di L.tre.

I punti chiave

1' di lettura

Poke House ha annunciato il perfezionamento di un round di finanziamento serie B da 20 milioni guidato da Eulero Capital, con il sostegno di FG2 Capital e il reinvestimento di Milano Investment Partners (MIP). L'iniezione di capitale, si legge nella nota, arriva dopo neanche un anno dal primo round da€5 milioni guidato da MIP. I proventi del round daranno ulteriore slancio al piano di sviluppo ed espansione di Poke House: è in programma l'apertura di 200 nuovi locali non solo nei paesi attualmente coperti, ma anche intercettando opportunità in altri mercati esteri, come la Francia e il Regno Unito, dove sono previste ulteriori House prima dell'estate

Chi è Poke House? 

oke House non è solo un ristorante nel senso più tradizionale del termine, ma una food-tech company con un modello di business dalla forte componente digitale. Nata a novembre 2018 dall'idea dei due giovani fondatori Matteo Pichi e Vittoria Zanetti, ha all'attivo 30 insegne tra Italia, Portogallo e Spagna, un team di più di 400 persone e un fatturato atteso nel 2021 superiore a €40 milioni di euro. «Abbiamo intuito fin da subito che il poke potesse essere un prodotto dalle grandi potenzialità ma al contempo molte altre catene hanno iniziato a proporlo - commenta Matteo Pichi, co-founder e CEO di Poke House - Per questo ci siamo focalizzati sin dall'inizio sulla differenziazione, puntando su una qualità di prodotto superiore oltre che su un'esperienza curata in ogni dettaglio».

Loading...

.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti