test match

Rugby, Italia a caccia di una difficile “prima” sul campo delle Figi

di Giacomo Bagnasco

(Agf)

2' di lettura

Loro sono i Flying Fijians, cioè i Figiani Volanti, e il destino vuole che nel ruolo di apertura (in inglese… fly-half) giochi Ben Volavola. Ci ospitano nella loro capitale, Suva, e – nell'ambito di un bilancio in parità tra le due Nazionali, cinque vittorie per parte – c'è da dire che l'Italia ha sempre perso in trasferta contro i giocolieri in maglia bianca.

Che nell'occasione schierano tra gli altri Leone Nakarawa, giocatore di spicco nel Racing 92 di Parigi e al tempo stesso medaglia d'oro a Rio 2016 con il team di rugby a sette. Il primo podio olimpico di sempre per Figi, che svetta nel Seven ma se la cava più che bene anche nel XV, tanto che si colloca al 10° posto del ranking mondiale (l’Italia al momento è 15ª) e in Coppa del Mondo è arrivata due volte fino ai quarti (impresa mai riuscita agli Azzurri).

Loading...

Insomma, ci siamo capiti, i favoriti hanno la maglia bianca e la pelle scura, con molti campioni che giocano all'estero e una bella voglia di riscattare la sconfitta per 37-14 subita sabato scorso in Australia. Anche i nostri vengono da una partita persa (34-13 dalla Scozia a Singapore) e si può sperare perlomeno che la prestazione (e in parte anche lo spirito) siano migliori rispetto a sette giorni prima.

Nel XV di partenza due cambi: Steyn n. 8 al posto di Barbieri e Violi mediano di mischia anziché Gori. Quest'ultima non dev'essere letta come una bocciatura, ma certo lascia un po' perplessi la scelta di dare a un giocatore la “fascia” di capitano e la partita dopo non portarlo nemmeno in panchina. In assenza di Parisse (diventato papà in questi giorni come Ghiraldini e Giazzon, felicitazioni) il ct Conor O' Shea aveva annunciato la volontà di assegnare i gradi di volta in volta a un giocatore diverso, ma francamente – in una squadra che già ha dovuto fare a meno di diversi uomini di esperienza – anche questo potrebbe diventare un (piccolo?) elemento di instabilità in più.

Da noi, tra venerdì e sabato, sarà ancora notte. Ma dall'Italia attendiamo qualche raggio di luce.

COSÌ IN CAMPO
(sabato 17 giugno, 4.40 ora italiana)
Figi: Murimurivalu; Nagusa, Vatubua, Vasiteri, Goneva; Volavola, Vularika; Nagusa, Qera (cap.), Waqaniburotu; Nakarawa, Ratuniyarawa; Tawake, Talemaitoga, Ravai. A disposizione: Sassen, Veitayaki, Saulo, Cavubati, Mata, Voka, Matawalu, Masilevu. Commissario tecnico: John McKee
Italia: Padovani; Esposito, Campagnaro, Boni, L. Sarto; Allan, Violi; Steyn, Mbanda', Minto (cap.); Budd, Fuser; Ferrari, Bigi, Lovotti. A disposizione: Gega, Zani, Pasquali, Van Schalkwyk, Ruzza, Tebaldi, Canna, Benvenuti. Commissario tecnico: Conor O'Shea
Arbitro: Paul Williams (Nuova Zelanda)

I TEST MATCH DI GIUGNO E LUGLIO
10 giugno: ITALIA-Scozia 13-34; Australia-Figi 37-14; Giappone-Romania 33-21; Sudafrica-Francia 37-14; Argentina-Inghilterra 34-38; Stati Uniti-Irlanda 19-55; Canada-Georgia 0-13
16 giugno: Tonga-Galles
17 giugno: Figi-ITALIA; Australia-Scozia; Giappone-Irlanda; Sudafrica-Francia; Stati Uniti-Georgia; Argentina-Inghilterra
23 giugno: Samoa-Galles
24 giugno: Australia-ITALIA; Nuova Zelanda-British & Irish Lions; Figi-Scozia; Sudafrica-Francia; Argentina-Georgia; Giappone-Irlanda
1° luglio: Nuova Zelanda-British & Irish Lions; Samoa-Tonga

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti