COMPAGNIE LOW COST

Ryanair, O'Brien: aumenteremo il traffico in Italia, è sottoservita

David O'Brien (Afp)

2' di lettura

Ryanair aumenterà il traffico in Italia, paese che secondo il vettore irlandese è sottoservito. Lo ha annunciato il chief commercial officer di Ryanair David O'Brien, durante una conferenza stampa organizzata oggi a Roma.

Il vettore irlandese nel 2017 aumenterà il suo traffico in Italia di oltre il 12%
«L’Italia - ha spiegato - è completamente sottoservita. Il Sud ha bisogno di voli diretti. Serve un grande sforzo per concentrarsi sulla costa adriatica e ionica». O'Brien ha annunciato che quest'anno la low cost irlandese incrementerà del 12,5% il suo traffico in Italia, con 44 nuove rotte per l'inverno 2017/2018: una di queste - annunciata oggi - è la nuova rotta giornaliera Roma-Tel Aviv da fine ottobre.

Loading...

36 milioni di clienti nel paese
In Italia, è stato evidenziato nel corso della conferenza stampa, Ryanair ha aumentato il traffico di 4 milioni con 99 nuove rotte e 36 milioni di clienti. Solo a Roma quest’anno Ryanair conta 60 rotte, 8,3 milioni di clienti e 6.200 opportunità di lavoro. A Roma «c'è ancora tanto margine di crescita, è molto attrattiva ma non è ben servita», ha spiegato O'Brien, che per le coste adriatica e ionica ha suggerito di «creare un brand unico» come fatto per la costa Brava in Spagna.

Penalizzati i clienti romani
La crescita di Ryanair in Italia - si legge in una nota - sarà «principalmente dagli aeroporti low cost di Milano, Napoli e Venezia, mentre i clienti romani saranno ancora una volta penalizzati e non godranno della notevole crescita di Ryanair a causa degli elevati costi imposti da Aeroporti di Roma». A livello globale, la low cost irlandese ha annunciato di aver ordinato 10 nuovi aerei: la flotta nell'anno fiscale 2018 sarà di 427 aeromobili per 131 milioni di passeggeri.

O'Brien: Alitalia ha molto potenziale
Interpellato su Alitalia durante la conferenza stampa, O'Brien ha ricordato che Ryanair ha «fatto un'offerta non vincolante la scorsa settimana, i dettagli saranno noti più avanti» e ha ribadito la disponibilità dello low cost ad un accordo di feederaggio sul lungo raggio. «Pensiamo - ha concluso - che Alitalia abbia molto potenziale. È molto importante che da questo processo (di vendita, ndr.) emerga una Alitalia sana».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti