Trasporto aereo

Ryanair sceglie Torino come base, 18 nuove rotte e un milione di passeggeri in più

La compagnia irlandese annuncia un investimento da 200 milioni di dollari con due aeromobili - Ceo Andorno: «Una occasione di rilancio straordinaria»

di Filomena Greco

3' di lettura

Torino torna ad essere una base per Ryanair. L’annuncio ufficiale arriva in conferenza stampa e per lo svalo piemontese questo vuol dire diciotto nuove rotte a partire dalla prossima stagione invernale e una “promessa” di volumi in forte crescita. Si tratta della sedicesima base italiana di Ryanair, che a Torino avrà due aerei, per un investimento pari a 200 milioni di dollari. Quella di Ryanair è stata una scelta molto attesa, che arriva dopo anni di collaborazione e che può davvero contribuire a rilanciare volumi e performance dello scalo piemontese.

Le nuove rotte

Saranno in totale 32 le rotte – 9 nazionali e 23 internazionali – che collegheranno Torino a 13 paesi in Europa, Nord Africa e Medio Oriente, con oltre 123 i voli settimanali in partenza. La nuova base Ryanair di Torino genererà 60 posti di lavoro diretti, e proporrà collegamenti con destinazioni per le vacanze invernali come Lanzarote, Malta, Maiorca e Marrakech, accanto a city break come Copenaghen, Budapest, Londra e Parigi. in primo piano anche i collegamenti nazionali per Palermo, Napoli e Bari. I due velivoli della flotta Ryanair saranno attivi a partire dal mese di ottobre.

Loading...

«Abbiamo stabilito un’ottima partnership con questo aeroporto – racconta il ceo di Ryanair Eddie Wilson – sin dal nostro primo volo in assoluto da Londra Stansted a Torino nel 1999 e siamo molto lieti di continuare a crescere nella regione dopo 22 anni di successi». Una scelta, quella di Ryanair, compagnia numero uno in Italia e in Europa per volumi di traffico, attesa da anni e che davvero può rappresentare una svolta per lo scalo torinese che in media non supera i 4 milioni di passeggeri.

Le opportunità

Andrea Andorno, il ceo di Torino Airport parla di una giornata storica nella quale si «volta pagina rispetto al passato», con le nuove tratte attive dal primo di novembre, mese in cui Torino ospiterà le Apt Finals di tennis. «Sarà un momento di ripartenza per la città e per la nostra stagione sciistica grazie a nuovi mercati che si affacciano alle nostre montagne» aggiunge Andorno che quantifica in almeno un milione di passeggeri in più l’impatto dell’investimento da parte di Ryanair.

Per Giorgio Marsiaj, residente dell’Unione industriale di Torino, «la nuova base Ryanair rappresenta un traguardo importante per il nostro territorio. Ora è necessaria una collaborazione con le Istituzioni per valorizzare al meglio quest’opportunità». L’aumento delle tratta da e per Torino rappresenta dunque un riconoscimento della vocazione attrattiva della città, come meta di turismo, business e leisure, aggiunge.

L’anno nero

Il 2020 ha significato per Torino vedere i viaggiatori ridursi a quota 1,2 milioni – con una perdita pari a 18 milioni in bilancio – volumi che hanno riportato indietro lo scalo all’inizio degli anni Novanta. L’aeroporto di Caselle dunque riparte con una partnership promettente che da un lato amplia la gamma di collegamenti da Torino per altre destinazioni, soprattutto all’estero, e dall’altro posiziona Torino come una delle destinazioni invernali, sia per una vacanza in città che come porta d’accesso alle i località sciistiche italiane dell’arco alpino.

Per festeggiare l’apertura della sua nuova base torinese, Ryanair ha lanciato una promozione ad hoc sul sito Ryanair.com con tariffe a partire da 19,99 euro per viaggiare fino a Marzo 2022, da prenotare però entro la mezzanotte di venerdì 18 giugno.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti