ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCompagnie aeree

Ryanair, senza accordo scattano i licenziamenti

Il ceo della compagnia low cost, Eddie Wilson pronto a trattare con i sindacati. Già comunicata all’Enac l’adozione dei minimi salariali. Prospettive ancora incerte per l’autunno

di Mara Monti

default onloading pic
(REUTERS)

Il ceo della compagnia low cost, Eddie Wilson pronto a trattare con i sindacati. Già comunicata all’Enac l’adozione dei minimi salariali. Prospettive ancora incerte per l’autunno


2' di lettura

Ryanair è pronta a trattare con i sindacati degli assistenti di voli dopo la bocciatura dell'accordo sul taglio del costo del lavoro proposto dall’azienda. La compagnia low cost ha già comunicato all’Enac di essere in linea con quanto previsto dal «decreto Rilancio», approvato durante l’emergenza Covid-19, sull’adozione del salario minimo da parte delle compagnie che operano in Italia come previsto dal Contratto collettivo nazionale. Lo ha detto al Sole 24 Ore il ceo della compagnia Eddie Wilson aggiungendo di aspettarsi la firma di un accordo con gli assistenti di volo. In caso contrario il ceo non ha escluso di giungere a più drastiche decisioni come i licenziamenti: «Il mercato del lavoro italiano continua ad essere distorto per la rilevante presenza di Alitalia - ha detto il ceo - le compagnie low cost hanno una struttura di costi diversa e non possono essere paragonate alle leading airlines».

Per quanto riguarda le prospettive del mercato per il prossimo autunno, esse continuano ad essere incerte per le nuove misure restrittive adottate dai governi a causa dell’aumento dei contagi. La compagnia ha risposto lanciando una campagna di sconti con biglietti a 5 euro. «Taglieremo la capacità del 20% a settembre e ottobre a livello di network - ha aggiunto - le decisioni sull’Italia le prenderemo nelle prossime tre settimane. Ci aspettiamo una solida ripresa del traffico a partire dalla prossima estate. Nessuno sa se ci sarà una seconda ondata del virus, ma di certo oggi sappiamo come affrontarlo».

Intanto, Ryanair ha comunicato di avere trasportato 7 milioni di passeggeri il mese scorso, con un aumento del 59% rispetto a luglio, ma ancora meno della metà del numero di voli dell'anno prima che la pandemia COVID-19 colpisse il trasporto aereo. Il traffico è diminuito del 53% anno su anno con una copertura di circa il 60% del normale operativo di agosto. Il load factor si è attestato al 73% ad agosto un livello simile registrato a luglio.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti