ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGetters

Saes vola dopo cessione business nitinol, stima plusvalenza 584,6 mln

Sottoscritto un accordo vincolante con la statunitense Resonetics per la cessione a quest'ultima del business del nitinol e, in particolare, delle società controllate statunitensi Memry Corporation e Saes Smart Materials

di Stefania Arcudi

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Saes Getters, dopo non essere riuscita a fare prezzo a Piazza Affari (in leggero rialzo il FTSE MIB e l'All Share) è poi entrata in neogoziazione con un rialzo superiore al 34% rispetto alla chiusura di venerdì (+39,6% le risparmio) , dopo avere sottoscritto un accordo vincolante con la statunitense Resonetics per la cessione a quest'ultima del business del nitinol e, in particolare, delle società controllate statunitensi Memry Corporation e Saes Smart Materials. La società del New Hampshire, che ha tra gli azionisti principali Carlyle e il fondo di private equity Gtcr, pagherà 900 milioni di dollari (cash/debt free), pari a circa 17 volte l'Ebitda adjusted relativo al perimetro di cessione nel periodo ottobre 2021-settembre 2022. La somma sarà corrisposta per cassa, in un’unica soluzione, alla data del closing, atteso nel 2023. Il prezzo, che se convertito in euro al cambio attuale è pari a circa 857,1 milioni, comporta una plusvalenza lorda di circa 719,6 milioni di euro, che sarà ridotta dei costi legati all’operazione (soprattutto spese legali, di consulenza e per incentivi), stimati in circa 135 milioni e la cui determinazione finale sarà effettuata e comunicata entro il closing.

La plusvalenza netta del gruppo Saes è prevista nell’intorno di 584,6 milioni di euro. «Le risorse finanziarie ricavate consentiranno al gruppo un’ennesima trasformazione industriale e un notevole ritorno per gli stakeholder», ha detto Massimo della Porta, presidente di Saes Getters. La società ha segnalato che «l'operazione consentirà a Saes di beneficiare di una significativa iniezione di cassa, da utilizzare per lo sviluppo sia organico che inorganico nei settori del packaging avanzato e dei nuovi materiali funzionali, oltre che per remunerare gli azionisti». Secondo gli analisti, «al netto dei costi di transazione e degli incentivi stimati in 135 milioni di euro e delle tasse sul capital gain (ipotizziamo il 27% su un capital gain stimato di 585 milioni), stimiamo il cash-in netto per Saes in 546 milioni rispetto a un market cap pre-annuncio di 462 milioni».

Loading...

Come sottolineano gli esperti di Banca Akros, «il business disinvestito ha generato ricavi nei primi nove mesi del 2022 per 90,8 milioni di euro, il 48% dei ricavi totali) e un Ebitda di 36,3 milioni, con un margine del 40%. Le attività rimanenti dovrebbero generare nell'anno fiscale 2022 un turnover di 130 milioni di euro. Considerando un margine Ebitda del 20%, potremmo ottenere un ebitda per l'anno fiscale 2022 di 26 milioni che, con un rapporto Ev/Ebitda di 8,5 volte, potrebbe portare a un valore di 220 milioni». Nell’operazione, Saes Getters è seguita da Lazard come financial advisor, mentre Resonetics è seguita da Mediobanca Per Saes, consulenti legali sono Nixon Peabody per le tematiche di diritto americano, e Fieldfisher per quelle di diritto italiano. I consulenti fiscali sono lo Studio Maisto e Associati, per le tematiche fiscali italiane, e Plante Moran per quelle americane.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti