ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEnergia

Saipem, aumento di capitale da 2 miliardi con sconto del 30%

Secondo quanto stabilito dal Cda, il prezzo delle nuove azioni è fissato in 1,013 euro. Diritti esercitabili dal 27 giugno all’11 luglio

Caio: "Piano Saipem punta alla creazione di un'azienda che cresce"

2' di lettura

Il consiglio di amministrazione di Saipem ha esercitato la delega ad aumentare il capitale sociale in via inscindibile per 2 miliardi di euro. L’aumento di capitale avrà luogo mediante emissione di 1.974.327.430 azioni ordinarie Saipem, prive di valore nominale espresso, aventi godimento regolare e le medesime caratteristiche delle azioni ordinarie Saipem già in circolazione, da offrire in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio nel rapporto di 95 nuove azioni ogni 1 azione ordinaria o di risparmio posseduta, al prezzo di sottoscrizione di 1,013 euro per ciascuna nuova azione, da imputarsi quanto a 0,021 euro a capitale sociale e quanto a 0,992 euro a sovrapprezzo.

Il prezzo di emissione

Il prezzo di emissione delle nuove azioni incorpora uno sconto di circa il 30% rispetto al prezzo teorico ex diritto (Theoretical Ex Right Price o TERP) delle azioni ordinarie Saipem sulla base del prezzo di riferimento del 21 giugno 2022. I diritti di opzione sono esercitabili dal 27 giugno 2022 alle ore 13.00 dell’11 luglio 2022 e sono negoziabili dal 27 giugno 2022 al 5 luglio 2022. I diritti di opzione non esercitati entro i termini saranno offerti su Euronext Milan il 12 luglio e il 13 luglio 2022. Come già reso noto al mercato, gli azionisti Eni e Cdp Industria si sono irrevocabilmente impegnati a sottoscrivere tutte le nuove azioni loro spettanti in proporzione alle partecipazioni rispettivamente detenute in Saipem, complessivamente pari a circa il 44% dell'aumento di capitale.

Loading...

Sottoscritto il contratto di garanzia

Inoltre, Saipem specifica in una nota che in data 21 giugno 2022 ha sottoscritto il contratto di garanzia (cosiddetto underwriting agreement) relativo all’operazione di aumento di capitale. In particolare, Bnp Paribas, Citigroup, Deutsche Bank, Hsbc, Intesa Sanpaolo e UniCredit (in qualità di joint global coordinators) e Abn Amro, Banca Akros – Gruppo Banco Bpm, Banco Santander, Barclays, Bper, Goldman Sachs International, Societé Generale e Stifel (in qualità di joint bookrunners) si sono impegnati a sottoscrivere, secondo i termini e le condizioni previsti dal contratto di garanzia, le nuove azioni non sottoscritte al termine dell'asta dell’inoptato fino a un importo massimo complessivo pari a circa 1.119,5 milioni di euro, equivalenti alla differenza tra il valore complessivo dell’aumento di capitale e il valore delle nuove azioni oggetto dell’impegno di sottoscrizione di Eni e Cdp Industria. L’aumento di capitale ha natura inscindibile e questo risponde alla finalità di consentire a Saipem di raggiungere un livello di patrimonializzazione ritenuto congruo ai fini del superamento della situazione di tensioneeconomica, patrimoniale e finanziaria manifestatasi a partire dal gennaio 2022, nonché di una compiuta realizzazione degli obiettivi fissati dal Piano Strategico 2022-2025.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti