nuova sede

Saipem, addio a San Donato: trasloca a Santa Giulia

Il gruppo occuperà di edifici, in costruzione, Spark One e Two per un totale di 43mila mq

di Paola Dezza


default onloading pic

1' di lettura

Le voci sul mercato si rincorrono da mesi e mesi, con aneddoti come divergenze tra i soggetti interessati e anche qualche rottura di trattativa, poi ripresa. Arriva infine la notizia che Saipem si trasferisce a Santa Giulia, in quelli che saranno gli edifici davanti a Sky. InTown – la joint venture tra Risanamento e Lendlease – ha siglato il contratto preliminare di locazione, con Saipem appunto, per gli edifici di Spark One e Spark Two – Lotti Sud di Milano Santa Giulia.
Questo – dicono dalla società – sarà il primo quartiere certificato LEED Neighborhood in Italia.

Spark One e Spark Two sono due edifici direzionali per un totale di circa 52.000 mq, di cui circa 50.000 mq destinati ad uso uffici e circa 2mila mq destinati ad attività commerciali. Di questi Saipem occuperà circa 43.500 mq di uffici (inclusa un’area mensa) ed annessi parcheggi, ovvero l’intera porzione ad uso uffici di Spark One e un’ampia porzione dell’edificio Spark Two. Il colosso del gruppo Eni lascerà, quindi, San Donato, complesso che fa capo ai fondi di Dea Capital, e sposterà a Santa Giulia 3mila dipendenti.

La restante porzione ad uso uffici di Spark Two (pari a circa 6.500 mq), così come le aree destinate ad attività commerciali, sono in fase avanzata di commercializzazione.
Le trattative sono state lunghe e complesse, per chiudersi a un canone di mercato, anche perché Saipem ad un certo punto ha iniziato a valutare anche altre opportunità, come quella di un terreno di Generali vicina proprio allo sviluppo di Santa Giulia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...