consumi

Saldi invernali 2018 al via: lo sconto medio di partenza è da record

Il 2018 parte con i saldi

2' di lettura

Anno nuovo, tempo di saldi. Da un capo all’altro della Penisola arriva il momento più atteso per i consumatori e - perché no - anche per gli esercizi commerciali. Tra domani e sabato prenderanno il via in tutta Italia i saldi invernali 2018, primo grande appuntamento commerciale dell’anno.
La prima regione a partire sarà la Basilicata, martedì 2 gennaio, seguirà la Val d’Aosta il 3 gennaio. In tutte le altre regioni, le vendite di fine stagione scatteranno venerdì 5 gennaio, con l’esclusione della Sicilia che inizierà per ultima sabato 6 gennaio, in coincidenza con l’Epifania.

Quasi un consumatore su due è già pronto a partecipare a questo particolarissimo rito collettivo che nel 2018 parte con riduzioni dei prezzi più alte della media. A tracciare il profilo dei prossimi saldi è la Confesercenti, che in un’indagine condotta con Swg, stima una partecipazione particolarmente elevata di negozianti e consumatori.

Loading...

Budget medio da 150 euro
Gli sconti saranno applicati da circa 280mila attività commerciali (ovvero uno su tre degli oltre 800 mila negozi italiani), inclusa praticamente la totalità dei negozi di moda e di tessili. Inoltre, circa un italiano su due (il 47%) approfitterà dell’occasione per fare almeno un acquisto; un altro 41% valuterà le occasioni di risparmio prima di decidere se acquistare o meno. L’aumento di interesse dei consumatori viene confermato anche dalle intenzioni di spesa: chi ha già deciso di acquistare prevede in media un budget di 150 euro a persona e l’86% si dice pronto a spendere come o più dello scorso anno.

Sconto medio da record
Quest’anno, inoltre, sarà particolarmente alto lo sconto medio di partenza: il 56% dei negozi partirà con il 30%, mentre il resto praticherà riduzioni iniziali comprese tra il 40 e il 50 per cento.

«Un’occasione di risparmio per i consumatori, ma anche di vendita per le imprese, che cercano l’inversione di tendenza dopo l’ennesimo anno fiacco», spiega il presidente di Fismo Confesercenti Roberto Manzoni, ricordando che «anche le vendite di Natale, seppure positive, sono state sotto le attese» e che «nel 2017 sono spariti altri 2.400 negozi di moda, più di sei al giorno». Questi saldi saranno invece un «ennesimo flop» per il Codacons, secondo il quale solo il 40% degli italiani conta di approfittarne per fare qualche acquisto e che il budget dedicato agli affari di fine stagione si ridurrà ad una media di 168 euro a famiglia, dato in calo del 7% rispetto allo scorso anno.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti