ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùeffetto coronavirus

Sale il prezzo del grano: Mosca si avvia a limitare l’export

Preoccupata da carenze in tempi di coronavirus, la Russia si avvia a mettere un tetto alle esportazioni di cereali: le quote ipotizzate sono piuttosto alte, ma il mercato teme che sia solo un primo passo

di Sissi Bellomo

default onloading pic
(REUTERS)

Preoccupata da carenze in tempi di coronavirus, la Russia si avvia a mettere un tetto alle esportazioni di cereali: le quote ipotizzate sono piuttosto alte, ma il mercato teme che sia solo un primo passo


2' di lettura

La Russia è a un passo dall’imporre limiti all’esportazione di cereali: una mossa che suscita inquietudine sul mercato e che ha spinto le quotazioni del grano ai massimi da due mesi, con un picco di 5,87 dollar per bushel a Chicago.

A Parigi il grano da macina ha raggiunto 197,50 euro per tonnellata, salvo limare i rialzi quando è emerso che – almeno per ora – Mosca non è orientata a prendere provvedimenti drastici.

Il ministero dell’Agricoltura, per evitare carenze in tempi di coronavirus, ha proposto un tetto di 7 milioni di tonnellate per l’export di cereali tra aprile e giugno, volumi simili a quelli che comunque ci si aspettava che fossero venduti all’estero.

Molti operatori temono però che questo sia solo il primo passo e che si possa arrivare a una replica del 2010. All’epoca la Russia vietò del tutto l’export di grano, in un periodo in cui la siccità aveva compromesso i raccolti e in cui il rublo debole (come oggi) faceva preferire le vendite all’estero.

La decisione innescò un rally che spinse il prezzo del grano al record storico. I rincari del pane scatenarono rivolte in molti Paesi del mondo, comprese quelle della Primavera araba.

Con il diffondersi della pandemia da coronavirus, il protezionismo sta cominciando a prendere piede: un fenomeno su cui anche la Fao ha lanciato un allarme, perché potrebbe portare a una vera e propria crisi alimentare, con gravi conseguenze per le regioni più povere del mondo.

Nei giorni scorsi il Vietnam ha sospeso le esportazioni di riso, di cui è il terzo fornitore al mondo dopo India e Thailandia.

Nel Vecchio continente anche l’Ucraina sta valutando se limitare l’export di grano, mentre il Kazakhstan ha già smesso di esportare farina, zucchero e patate.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...