Marketing ed e-learning

Salesforce e Apple: le prime app nate dall'accordo per portare il mondo business su mobile

L'azienda numero 1 al mondo nel Crm si definisce “iOS first”. Il rapporto con Apple ha origini antiche, come racconta al Sole 24 Ore Paolo Bergamo, italiano ai vertici della società di San Francisco

dal nostro inviato Luca Salvioli


default onloading pic
A sinistra Tim Cook, Ceo di Apple, a destra Marc Benioff, ceo di Salesforce, durante il loro incontro al Dreamforce 2019 di San Francisco

3' di lettura

SAN FRANCISCO - «Per me è un onore averti su questo palco, Tim, perché feci uno stage in Apple nel 1984 ed è stato decisivo per la mia carriera». Il clima è questo. Marc Benioff, ceo di Salesforce, introduce Tim Cook sul palco del Dreamforce 2019, l'evento annuale dell'azienda numero 1 al mondo nel Crm (Customer Relationship Management, ovvero gestione delle relazioni con i clienti), un appuntamento enorme che invade San Francisco per tutta la settimana con ospiti del calibro di Barack Obama, che parlerà giovedì.

Salesforce si definisce un'azienda “iOS first”. Un anno fa aveva annunciato una collaborazione strategica con Apple che oggi si traduce innanzitutto nella nuova app di Salesforce per iOS e iPadOS, riprogettata e integrata con elementi hardware come Siri, che si affianca all'assistente virtuale proprietario Einstein, e al Face ID. C'è poi una app di elearning e il nuovo kit di sviluppo per rilasciare app native per iPhone e iPad sulla piattaforma Salesforce.

Obiettivo: migliorare la user experience
«Stiamo investendo in questa collaborazione più di quanto pensassimo - spiega Paolo Bergamo, italiano ai vertici dell'azienda americana, dove è senior vice president e responsabile di Field Service Lightning di Salesforce -. Apple è celebre per l'ossessione per la user experience. Abbiamo voluto mettere insieme il miglior Crm al mondo con il miglior design al mondo perché in ambito mobile, quando vuoi fare business, c'è ancora molto da lavorare. Abbiamo fatto un anno di sessioni con Apple e ricostruito insieme la user experience di Saleforce su mobile. Ai clienti che scrivono applicativi su Salesforce mettiamo a disposizione un ambiente estremamente semplice con la stessa UX/UI».

Anche per Paolo Bergamo, come Marc Benioff, il rapporto con Apple inizia da lontano. Bergamo è entrato in Salesforce quando la sua startup, Sandia, è stata acquisita nel 2006. «Steve Jobs era interessato agli applicativi aziendali e noi eravamo all'avanguardia nei web services per business - racconta - Nel 2008 ho passato un mese a Cupertino e ridefinito il mio concetto di pignoleria. Alla fine però, quando Jobs lanciò l'app store, l'unica app business era quella di Salesforce».

Benioff aveva già registrato un dominio App Store.com per il suo negozio di applicazioni, ma poi non gli piaceva e decise di cambiare il nome in AppExchange. Quando Jobs annunciò il nome scelto per il suo negozio di applicazioni, pochi mesi dopo il lancio del primo iPhone, in Salesforce fecero un salto sulla sedia, ma a Benioff non sembrò furbo chiedere i diritti a Jobs.

Elearning via app
Il secondo prodotto è la nuova app per la formazione Trailhead GO, che prima era disponibile solo via browser. «È la nostra piattaforma di elearning - continua Bergamo -. Oggi c'è un problema massiccio di riconversione di posti di lavoro. Con Trailhead l'idea è di mettere a disposizione di tutti gli strumenti per costruire sulla nostra piattaforma. Non c'è bisogno di essere uno sviluppatore per farlo. L'idea è fornire una piattaforma semplice a chi vuole pensare un contenuto». Il principio è quello del “trailblazer”, ovvero l'apripista, con una forte enfasi sull'accesso democratico: ieri sul palco ha raccontato la sua storia un veterano di guerra che è uscito dalla disoccupazione grazie a un lavoro con Salesforce, parte di un progetto di riconversione su lavori digitali di ex militari che sta portando avanti l'azienda.

Per approfondire:
Salesforce compra Tableau Software per 15,7 miliardi di dollari
Anche la “nuvola” di Salesforce adotta la tecnologia blockchain

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...