0/0Economia e Societa

Salite in bici sulle Alpi/Piemonte

Dopo le Dolomiti, sono le Alpi piemontesi, ed in particolare le valli cuneesi, ad ospitare il più ricco “distretto” di valichi delle Alpi italiane. Su queste strade si esercitano migliaia di amatori ed il ciclismo ha scritto diverse pagine epiche.Qui passi e gioghi lasciano il passo ai “colli” (ed oltre il confine ai “col”): in provincia di Cuneo, Colle della Maddalena, Colle di Sampeyre, Colle di Fauniera e Colle dell'Agnello sono i più evocativi. Quest'ultimo – spesso caratterizzato da condizioni meteorologiche proibitive - è il terzo più alto d'Europa, solo dieci metri più basso del passo dello Stelvio, ed è stato affrontato una manciata di volte dal Giro d'Italia. Lo scorso anno il primo a transitare fu il compianto Michele Scarponi.In provincia di Torino, invece, uno dei valichi più affascinanti è sicuramente il Colle delle Finestre che collega la val Chisone e la val di Susa, precisamente Fenestrelle (con il suo straordinario forte) a Meana. Il lato meridionale, dalla Val Chisone, è più soleggiato ed è interamente asfaltato.Più impervia la salita valsusina che inizia in un fitto bosco di latifoglie e conifere per regalare poi un finale in campo aperto e su fondo sterrato (estate 2016): un'ascesa che, una volta conclusa, assume tinte epiche.Salendo in mtb si può poi percorrere tutta la strada dell'Assietta, un lungo ed impegnativo tracciato sterrato che corre in quota, lungo lo spartiacque, offrendo superbi panorami fino al Col Basset, sui monti di Sestriere.Altre salite degne di nota, nella montagna torinese, sono il Col du Nivolet, il Monginevro o il Sestriere.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti