torino

Salone del libro: esclusa Altaforte, la casa editrice vicina a CasaPound

di Lorenzo Tomasin


default onloading pic
(ANSA)

1' di lettura

Una buona conclusione, che non deve far abbassare la guardia. La decisione di escludere la casa editrice filofascista la cui partecipazione (non su invito) al Salone di Torino, è stata presa grazie a una lunga e delicata mediazione che ha visto convergere gli sforzi di tutti coloro che hanno a cuore i valori della cultura e quelli della (fragile) democrazia italiana.

Un risultato impossibile senza le proteste levatesi in questi giorni sia da parte chi aveva deciso di disertare il Salone, sia da parte di chi – convinto che i valori della democrazia si difendano anche non lasciando il campo ai suoi nemici – aveva rivendicato l'importanza della partecipazione e deplorato con altrettanta forza le presenze nocive.

È una vittoria di tutti coloro che si riconoscono nei valori della libertà nella sua declinazione storica e civile italiana. Ma non è una vittoria definitiva. La decisione di chiudere uno dei tanti stand a pagamento del Salone non segna la fine di tutti i mali. È però una tappa importante, soprattutto perché mostra quanto valgano la protesta non meno che la paziente tessitura di una trama civile slabbrata, che richiede un paziente, pacifico e intelligente lavoro di ricucitura.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...