ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe presenze in città

Salone del Mobile, le cento lingue del design: a Milano tornano gli stranieri

Nonostante l’assenza di cinesi e russi, al Salone del Mobile e al Fuorisalone risuonano tutte le lingue del mondo, come non accadeva da tre anni

di Giovanna Mancini

Torna il Salone del Mobile di Milano, l'inaugurazione dell'evento in Fiera a Rho

3' di lettura

Sulla linea rossa della metropolitana milanese (quella che termina a Rho-Fiera Milano), gli annunci vocali ai passeggeri vengono trasmessi in quattro lingue: oltre all’italiano e all’inglese, anche francese e spagnolo. «Effetto Salone del Mobile?», domanda una collega, incuriosita. Più che probabile. A Milano da qualche giorno risuonano tutte (o quasi) le lingue del mondo, come non capitava da tre anni. Anzi, «da tre anni e due mesi», fa notare con una punta orgoglio un importante imprenditore dell’arredo che partecipa al Salone. Ovvero, dall’ultima edizione della principale fiera internazionale del design, nell’aprile 2019.

Al Salone il 27% degli espositori dall’estero

Nonostante la mancanza dei cinesi (che ancora non possono viaggiare, a causa delle restrizioni anti-Covid imposte dal governo di Pechino) e la minore affluenza di visitatori dalla Russia, la sessantesima edizione del Salone del Mobile conferma il suo carattere fortemente internazionale, come spiega la presidente Maria Porro: «Il 27% degli espositori arriva dall’estero – dice – e ci attendiamo molti buyer in arrivo anche da Paesi extraeuropei, in particolare Stati Uniti e Canda, Sud America, Medio Oriente, ma anche molti indiani e sudcoreani».

Loading...

India e Corea del Sud sono un po’ le sorprese di quest’anno. La Corea del Sud, soprattutto, che ormai da anni dimostra di apprezzare il design italiano, ma che quest’anno è presente con numeri molto superiori rispetto al passato e che per la prima volta conta anche un espositore in fiera. Oggi inoltre, arriverà al polo espositivo di Rho l’ambasciatore coreano in Italia.

Gli stranieri in città

L’attrattività internazionale del Salone si riflette, come ovvio, sulla città. Negli alberghi (che nei primi giorni di apertura registrano il tutto esaurito) si stima che un po’ più della metà delle presenze provenga da oltreconfine, con una netta prevalenza di europei, ma anche tanti ospiti americani, asiatici e del Medio Oriente.

Il portale online di viaggi eDreams ha elaborato una stima sulle provenienze dei passeggeri in arrivo a Milano tra il 6 e il 12 giugno (sulla base delle prenotazioni fatte tar il primo gennaio e maggio 2022): se gli italiani sono prevedibilmente la fetta più numerosa (il 40%, di cui oltre la metà ha prenotato con almeno un mese di anticipo), il restante 60% proveniente dall’estero è così composto: il 23% arriva dalla Spagna, il 13% dalla Germania, il 10% dal regno Unito.

Le collettive estere al Fuorisalone

Ma attenzione: non tutti sono solo acquirenti o appassionati di design italiano. Molti sono essi stessi produttori, come dimostrano le sempre più numerose mostre collettive di designer stranieri presenti al Fuorisalone. Sono ancora i coreani, ad esempio, i protagonisti del progetto «Again, From The Earth’s Foundation» allestito alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, che vede la collaborazione fra tre importanti designer italiani (Michele De Lucchi, Mario Trimarchi e Francesco Faccin) con i tre maestri artigiani coreani: Gangyong Park, Hyungkun Lee e Sungj.

In pieno centro, a Palazzo Francesco Turati, si tiene invece «Masterly-The Dutch in Milano», una mostra dedicata ai designer dei Paesi Bassi. Artisti portoghesi e sloveni sono invece protagonisti in zona Tortona: i primi con la mostra «Made in portugal naturally», i secondi nella collettiva «New Times/Tempi nuovi».

È però il Brera Design District quello che si conferma il più internazionale, con le collettive degli artisti e creativi britannici ospitati al padiglione Brera, dei norvegesi alla Galleria Milano o degli svizzeri alla Casa degli Artisti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti