Circolare Salute

Ucraina, profughi in Italia: tamponi entro 48 ore dall’ingresso e vaccini

Indicazioni alle regioni del ministero per affrontare l’arrivo in Italia di chi fugge dalla guerra

di Nicoletta Cottone

Emergenza profughi, oltre 368 mila rifugiati finora

2' di lettura

Semaforo verde alle vaccinazioni anti-Covid per i rifugiati che stanno arrivando in Italia dall’Ucraina. In una lettera alle Regioni il commissario per l’emergenza Covid, il generale Figliuolo, aveva chiesto di «provvedere alla vaccinazione dei cittadini di nazionalità ucraina ospitati in Italia attraverso la generazione dei codici Stp, straniero temporaneamente presente». Il ministero della Salute ha emanato una circolare ad hoc per le vaccinazioni dei rifugiati disciplinando anche un servizio di tamponi.

In Ucraina vaccinata solo il 35% della popolazione

Il tasso di vaccinati in Ucraina è solo del 35%, una delle percentuali più basse d’Europa. La raccomandazione contenuta nella circolare è quella di «offrire la vaccinazione» a partire dai 5 anni a chi non è vaccinato o non è in possesso di documentazione che attesti la vaccinazione, comprensiva di richiamo dai 12 anni in poi.

Loading...

Test diagnostici entro 48 ore dall’ingresso

Il ministero della Salute con la circolare lancia un allerta alle regioni sui fenomeni migratori verso il nostro paese conseguenti alla crisi ucraina, chiedendo alle Regioni di predisporre risorse per garantire tamponi e vaccini anti-Covid ai rifugiati dell’Ucraina. Test diagnostici entro le 48 ore dall’ingresso per chi è sprovvisto di Digital passenger locator form in forma cartacea o digitale o di certificazione verde anti-Covid. «In relazione alla crisi in corso e in previsione dei conseguenti fenomeni migratori verso il nostro Paese - si legge nella circolare - si prega di voler allertare le Aziende Sanitarie Locali ai fini della individuazione e predisposizione di risorse necessarie all’esecuzione di test diagnostici-tamponi oro/rinofaringei antigenici e molecolari per infezione da SarsCoV2 ed alla somministrazione di vaccini anti-Covid e altre vaccinazioni di routine per tale popolazione a rischio».

Che vaccinazioni hanno fatto gli ucraini

La circolare che ha per oggetto “Crisi Ucraina - Prime Indicazioni per Aziende Sanitarie Locali”, è firmata dal direttore della Prevenzione del dicastero Gianni Rezza e dal direttore programmazione sanitaria Andrea Urbani. Le Asl, segnala la circolare, «dovranno, inoltre, assicurare le necessarie attività di sorveglianza, prevenzione e profilassi vaccinale anche in relazione alle altre malattie infettive». La circolare ricorda che i vaccini usati in Ucraina sono per lo più simili a quelli autorizzati dall’Ema (Comirnaty, Covid-19 Vaccine Janssen, Covishield, Spikevax, Vaxzevria), a cui si aggiunge il vaccino Coronavac (Sinovac).

Identificare precocemente le persone vulnerabili

Si chiede di far attenzione in particolare alla «precoce identificazione delle persone con esigenze particolari e specifiche vulnerabilità, si pensa ad esempio ai minori stranieri non accompagnati, alle donne in stato di gravidanza, ai nuclei familiari monoparentali».

Le altre vaccinazioni consigliate

Una serie di raccomandazioni riguardano i minori fino al compimento dei 18 anni di età. Per chi non è mai stato vaccinato, con documentazione insufficiente e ha uno stato vaccinale incerto è raccomandata l'offerta delle vaccinazioni previste, in rapporto all'età, secondo il calendario del Piano nazionale di prevenzione vaccinale. Per chi è regolarmente vaccinato nel Paese di origine e con stato vaccinale adeguatamentedocumentato è raccomandata l'offerta delle vaccinazioni previste, in rapporto all'età, secondo il calendario del Piano nazionale di prevenzione vaccinale, per l'eventuale completamento del ciclovaccinale primario o i successivi richiami. Ci sono anche raccomandazioni per gli adulti non vaccinati o con stato vaccinale incerto: si raccomanda di offrire una serie di vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse, polio, morbillo, parotite, rosolia (eccetto donne in gravidanza), varicella, epatite B.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti