una poltrona per due

Salvini batte Di Maio sui social, doppio dei follower su Twitter e primo su Facebook

di Andrea Gagliardi

default onloading pic


3' di lettura

Divisi sulla leadership di un eventuale governo Lega-M5s, Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono tra i politici più attivi sui social media, facendo ampio ricorso a Facebook e Twitter per dettare la linea politica e commentare i fatti del giorno. Ma anche se Di Maio è il leader di un partito “digitale” che sin dalle sue origini ha messo la “rete” al centro, facendo ricorso alla piattaforma di democrazia diretta sviluppata dalla Casaleggio Associati, è Salvini ad essere più popolare sui social maggiormente utilizzati per la comunicazione politica. Il leader leghista su Facebook ha quasi 2,2 milioni di “mi piace” contro 1,6 milioni del “rivale”. Su Twitter con 689mila follower ha il doppio dei seguaci di Di Maio (a quota 320mila). Solo su Instagram, pure presidiato da entrambi, le cose cambiano. Qui è il candidato premier M5s, con 195mila “follower”, a “battere” quello leghista che si ferma a 174mila.

Primato di Salvini su Facebook
Salvini sembra muoversi particolarmente a suo agio sulla piattaforma digitale di FB. La utilizza in questi giorni per spiegare mosse e obiettivi in vista della nascita del nuovo governo («Il prossimo Premier - scrive nel suo ultimo post - non potrà che essere indicato dal centrodestra, la coalizione che ha preso più voti» ) e per ricordare le priorità della Lega (tra queste «Via legge Fornero», «giù tasse e accise», «revisione dei trattati europei, pace fiscale fra cittadini ed Equitalia», «espulsione dei clandestini»). Ma anche per pubblicizzare gli appuntamenti televisivi o elettorali. Senza rinunciare a dare spazio a incursioni nella sua vita privata e familiare. Grazie al suo spin doctor Luca Morisi (che durante la campagna elettorale si è inventato il format “Vinci Salvini”: un vero e proprio concorso per militanti e aficionados) il profilo Facebook di Salvini è diventato il più seguito tra i leader politici.

Social sempre più strategici ma tv e campagna «porta a porta» restano decisivi

Di Maio in crescita su FB , ma resta indietro
La pagina FB di Maio (con popolarità in crescita evidenziata dal fatto che i “mi piace” a inizio febbraio non superavano quota 1,2 milioni e ora viaggiano intorno a 1,6 milioni) a un primo sguardo è molto «istituzionale». Il candidato premier M5s la utilizza per rilanciare interviste, post del blog del Movimento o dei capigruppo di Camera e Senato, incentrati in questi giorni soprattutto sulle mosse del neo presidente della Camera Roberto Fico (a partire dalla decisione di rinunciare per la prima volta integralmente all'indennità di carica di oltre 4mila euro). Ma anche per veicolare le prese di posizione di alcuni esponenti molto popolari del M5S come Alessandro Di Battista (la cui pagina FB, stabile con oltre 1,5 milioni di “mi piace”, ha ancora un livello di popolarità simile a quello di Di Maio). Da sottolineare che tra gli esponenti di spicco del M5s è ancora la pagina FB del fondatore Beppe Grillo ad essere la più popolare, con 2 milioni di “like”.

Il trend su Twitter
Anche su twitter (dove Matteo Renzi resta il politico più seguito con 3,4 milioni di “follower”) è Salvini a stare davanti con 689mila follower (a fronte dei 320mila di Di Maio). E questo accade anche se il leader M5s cinguetta dal maggio 2009, mentre il capo politico del Carroccio è sbarcato su twitter circa due anni dopo (marzo 2011). Da sottolineare però che Salvini è molto più “prolifico”: ha al suo attivo oltre 25mila tweet a fronte dei circa 5mila di Di Maio.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti