Il caso di Bologna

Salvini al citofono, tutte le violazioni giuridiche compiute dal “Capitano”

Per Vincenzo Muscatiello, docente di diritto penale all’Università di Bari, presupposto della difesa della legalità è il rispetto delle regole

di Patrizia Maciocchi


Salvini suona al citofono di un tunisino: “Lei è uno spacciatore?”

2' di lettura

La tutela della legalità passa per il rispetto delle regole. Per Vincenzo Muscatiello, docente di diritto penale all’Università di Bari, il leader della Lega Matteo Salvini andando a citofonare ad un ragazzo tunisino, davanti alle telecamere, durante la campagna elettorale a Bologna per le elezioni regionali per chiedergli se era uno spacciatore, ha travolto i nostri principi di civiltà giuridica.

«Nel diritto penale dei tweet, chiedere ad un bugiardo se sia davvero bugiardo restituisce una risposta che non è mai quella vera: entrambi, chi mente e chi non mente risponderanno nello stesso modo, il che testimonia l’inutilità della domanda, più che della risposta - sottolinea Muscatiello - il gesto è così paradossale che conviene persino augurarsi che quel ragazzo sia davvero uno spacciatore, perché ormai la citofonata rende inutile la verità».

La verità mediatica
Per il ragazzo oggetto dell’attenzione di Salvini, non sarà semplice riabilitarsi agli occhi dell’opinione pubblica: «Nella lettura collettiva, nella accusa via citofono, il ragazzo - continua il professor Muscatiello - è senza dubbio uno spacciatore e a questo punto non c’è modo di dimostrare il contrario. Il ragazzo di certo non può citofonare a un giudice per affermare la sua innocenza; né andare spontaneamente a processo per soddisfare la pulsioni giustizialiste di cui il citofono si è reso interprete» .

Il rischio toto reati
Per Muscatiello poco importa andare alla ricerca di un reato che aiuti a inquadrare giuridicamente la “citofonata”. «Nel fare il toto reati, spaziando dalla diffamazione alla violazione della privacy fino alla calunnia, si finisce per cadere nella stessa superficialità contenuta nel gesto esaminato, nella stessa bizzarria - dice Muscatiello - il sistema giuridico alla base della ricerca dei reati presuppone regole e procedure serie e ponderate».

Vincenzo Muscatiello attira piuttosto l’attenzione su un altro aspetto: «quello che colpisce è l’inutilità giuridica di un gesto che nella “costruzione del nemico”, contiene l’indifferenza al vero e al giusto, e soprattutto l’idea, spesse volte ripetuta, che la sanzione mediatica debba abitare forme sbrigative e superficiali, aperte al pregiudizio, chiuse alle prove contrarie».

La ricerca delle prove
Se l’obiettivo della “scampanellata” era la ricerca di un consenso elettorale, per catturarlo si potevano percorrere altre strade: «Nell’azione di cui stiamo parlando non c’é né forma giuridica né audacia. Non è necessario essere un esperto di diritto per capire che non è così che si raccolgono le notizie di reato. Anzi in questo modo si mette in allerta, in caso di colpevolezza, chi dovrebbe essere sottoposto ad indagine, nel massimo riserbo».

Per approfondire
Salvini al citofono col presunto spacciatore: così si spettacolarizza la gogna
Regionali, Salvini: voto 26 gennaio è scelta di vita

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...