ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDopo il COMIZIO di PIAZZA DUOMO

Salvini e il rosario, critiche dal mondo cattolico

di Riccardo Ferrazza


In Piazza Duomo a Milano il Salvini Day con i leader sovranisti

4' di lettura

Non era la prima volta che il simbolo religioso compariva in un suo comizio. E, come per le precedenti occasioni, anche stavolta il rosario ostentato ieri da Matteo Salvini a piazza Duomo durante la manifestazione sovranista ha acceso le polemiche. Critiche al leader della Lega sono arrivate dal mondo cattolico: prima padre Antonio Spadaro, direttore della Civiltà Cattolica («la coscienza cristiana, a mio avviso, dovrebbe sussultare con sdegno»); poi Famiglia cristiana che parla di «sovranismo feticista».

GUARDA IL VIDEO - A PIAZZA DUOMO IL SALVINI DAY CON I LEADER SOVRANISTI

«Io sono credente, mio dovere è salvare vite e svegliare coscienze» ha replicato il ministro dell’Interno che si dice «orgoglioso di testimoniare, con azioni concrete e con gesti simbolici, la mia volontà di un’Italia più sicura e accogliente, ma nel rispetto di limiti e regole». Più tardi, però, fa sentire la sua voce anche il Vaticano con il segretario di stato, il cardinale Pietro Parolin: «Io credo che la politica partitica divida, Dio invece è di tutti. Invocare Dio per se stessi è sempre molto pericoloso».

Maria e rosario
«Affido la mia e la vostra vita al cuore immacolato di Maria che sono sicuro che ci porterà alla vittoria»: Salvini avevo chiuso così ieri il suo intervento. Parole pronunciate stringendo in mano un rosario. Una scena simile si era vista in quella stessa piazza nel febbraio 2018, quando nel corso del suo comizio per le elezioni politiche aveva inscenato un giuramento da premier sul Vangelo e aveva mostrato un rosario: «Mi porto dietro un rosario che mi ha regalato un don, fatto da una donna che combatte in strada, e non lo mollo più». In quell’occasione si era preso il rimprovero dell’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, che ammonì: «Nei comizi si parli di politica».

Le critiche del mondo cattolico
La replica di ieri ha sollevato reazioni da diversi voci cattoliche. Prima da padre Spadaro, direttore della rivista dei gesuiti italiani (è l’ordine cui appartiene papa Bergoglio): «Rosari e crocifissi - scrive sul suo profilo Facebook - sono usati come segni dal valore politico, ma in maniera inversa rispetto al passato: se prima si dava a Dio quel che invece sarebbe stato bene restasse nelle mani di Cesare, adesso è Cesare a impugnare e brandire quello che è di Dio». Poi un’ulteriore riflessione: «La coscienza critica e il discernimento dovrebbe aiutare a capire che non è un comizio politico il luogo per fare litanie» e «la coscienza cristiana, a mio avviso, dovrebbe sussultare con sdegno e umiliazione nel vedersi così mercanteggiata e blandita». Molto critico anche l’editoriale di Famiglia cristiana dal titolo: «Il rosario brandito da Salvini e i fischi della folla a papa Francesco, ecco il sovranismo feticista». A Milano, scrive il settimanale cattolico che in passato aveva duramente attaccato il ministro dell’Interno per le sue politiche sui migranti, «è andato in scena l’ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica nel nostro Paese dei diritti umani. Mentre il capopolo della Lega esibiva il Vangelo un’altra nave carica di vite umane veniva respinta e le Nazioni Unite ci condannavano per il decreto sicurezza».

Parolin: «Pericoloso invocare Dio per se stessi»
Il vicepremier e titolare dell’Interno non viene citato esplicitamente ma anche le parole pronunciate dal cardinale Parolin sembrano fare riferimento a quanto accaduto in piazza Duomo: «Io credo che la politica partitica divida, Dio invece è di tutti. Invocare Dio per se stessi è sempre molto pericoloso» ha detto il segretario di stato vaticano, a margine della Festa dei Popoli a San Giovanni in Laterano. «Anche semplicemente ignorare il nostro vicino - ha sottolineato nell’incontro con le comunità di migranti - è il primo passo per spegnere la carità che è in noi».

Le repliche del ministro: «Salviamo vite»
Salvini, impegnato in un incontro elettorale a Sassuolo, ribatte. Prima a padre Spadaro: «Un direttore di un settimanale cattolico mi ha attaccato perché ieri ho osato parlare di Dio, dei Papi, dei nostri valori e delle nostre radici e ho mostrato il rosario. Sono orgoglioso della nostra storia e delle nostre radici, di testimoniare quella che è una civiltà accogliente, generosa. Ma un conto è essere accogliente e un conto è suicidarsi. Lo diceva papa Benedetto, lo diceva Wojtyla, lo diceva Oriana Fallaci». Quindi la replica a Famiglia cristiana: «Sono l’ultimo dei buoni cristiani, ma sono orgoglioso di andare in giro col rosario sempre in tasca». E ancora: «Noi stiamo garantendo più sicurezza agli italiani e salvando vite».

La preoccupazione della comunità ebraica
Contro i sovranisti europei si scaglia anche la comunità ebraica di Roma.
«Pensavamo di aver sconfitto quel male ma dopo 70 anni quel male si è riaffacciato - le parole della presidente, Ruth Dureghello -. Striscioni e manifestazioni che inneggiano a simboli che pensavamo davvero di non rivedere più. Non saremo e non vogliamo essere indifferenti».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...