emergenza covid-19

Salvini: «Grazie Draghi, ci serve il suo aiuto»

Il capo del Carroccio parla in Aula al Senato. «Se non diamo i soldi alla gente quella esce di casa: subito liquidità. Dico al governo che se ci vuole collaborativi bene, ma non ci stiamo a fare gli spettatori»

di Nicola Barone


Coronavirus, Mattarella firma il decreto "Cura Italia"

2' di lettura

Dice «grazie Draghi». Perché «è caduto il mito del non si può fare debito. Si può fare. Benvenuto, ci serve l'aiuto di tutti, anche del suo. Sono
contento di quello che potrà nascere da questa intervista». Parole del leader della Lega Matteo Salvini, subito dopo le comunicazioni del premier nell'Aula di Palazzo Madama sulla gestione dell’epidemia. Piace la nuova declinazione del «whatever it takes» fatta dall'ex numero uno della Bce Mario Draghi sul Financial Times. Ovvero ampio intervento pubblico per aumentare la liquidità, anche a costo di far crescere il debito pubblico. O l'alternativa sarebbe la distruzione permanente delle attività produttive e quindi della base di bilancio.

«Collaborativi ma non spettatori»
«Se non diamo i soldi alla gente quella esce di casa: subito liquidità. Dico al governo che se ci vuole collaborativi bene, ma non ci stiamo a fare gli
spettatori, ci ascolti». Il capo del Carroccio rivolge alla maggioranza l’appello a non fare da soli nel prosieguo della crisi. «E presidente Conte, ogni tanto ammettere qualche errore fatto non sarebbe segno di debolezza ma di forza, altrimenti non staremmo qui a commentare 7503 italiani morti a cui va il nostro pensiero». All’esecutivo vengono richieste «risposte immediate», il 70% dello stipendio dei medici sia esente da tasse, e «impegni concreti»: mascherine, bombole d'ossigeno («l'emergenza si sposterà alle case»). Inoltre, aggiunge Salvini, «guardiamo al futuro per rispetto ai problemi immediati di chi vuole sapere se la Cassa integrazione arriva ora o fra due mesi».

Dalla Bce 750mld contro il coronavirus

«Se la Cina coprì virus crimine contro umanità»
Non manca un attacco diretto sulla responsabilità nella fase di scoppio del virus nel focolaio principale. «Se il governo cinese sapeva e ha coperto l'epidemia s'è reso colpevole di un crimine ai danni dell'umanità. Non si può far passare per salvatore chi ha contagiato il mondo», tuona il leader della Lega.

Per approfondire:

Bce, acquisti senza limiti: Qe con il turbo contro la pandemia

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...